banner

CALIBRO 35
Ogni Riferimento A Persone Esistite…

4 aprile 2012

TAGS: ,

You can’t put your arms around a memory cantava Johnny Thunders. Ed invece così è andata per i Calibro 35: loro il ricordo di un periodo della storia italiana musicalmente e visivamente vivacissimo l’hanno abbracciato fino in fondo, ma senza farsi stordire da una retromania fatale che avrebbe probabilmente trasformato una delle migliori live band italiane in pura maniera.

Così i Calibro 35 arrivano nel 2012 con un album che sin dal titolo ci rimanda al concetto di cui sopra: “Ogni riferimento a persone esistite o a fatti realmente accaduti è puramente casuale”. Come a dire: “Grazie dell’enorme ispirazione, ma d’ora in poi camminiamo per davvero sulle nostre gambe”. E così è, in effetti.

Dodici canzoni, di cui solo due non originali, un disco registrato in soli cinque giorni tra il Brooklyn Recording e il Mission Sound che è pieno di vitalità e fluidità. Impressiona il fatto che un disco che si regge muscolarmente su groove ritmici davvero possenti a supportare un lavoro d’arrangiamento tra tastiere e chitarre veramente ben strutturato, possa essere stato scritto così di getto, con pochissimi appigli al passato, se non per quanto riguarda l’ispirazione.

Enrico Gabrielli, Massimo Martellotta, Luca Cavina e Fabio Rondanini, guidati dal sempre puntuale Tommaso Colliva, ci regalano forse il disco con più sapore internazionale dei Calibro 35, dalle atmosfere noir di “Pioggia e Cemento” ai rimandi indiani di “New Dehli Deli” fino a “Arrivederci e Grazie” che riesce a trasportarti dall’altra parte dell’oceano col solo pensiero. I fiati su “La Banda del BBQ” e su “Il Pacco” sembra provengano da qualche session rhytm and blues anni ‘60.

Le “cover” sono “New York New York” di Piero Piccioni (dal film Anastasia Mio Fratello, 1973 di Steno) e “Passaggi Nel Tempo” dell’intramontabile Ennio Morricone (da Sam’s Song di Robert De Niro), doverosi omaggi che ben si amalgamano all’interno del disco.

Un deciso passo avanti che conferma i Calibro 35 come uno dei punti sempre più fermi della musica italiana degli ultimi anni.

Ogni Riferimento A Persone Esistenti O A Fatti Realmente Accaduti è Puramente Casuale
[ Venus - 2012 ]
Similar Artist: Ennio Morricone, Sly And The Family Stone
Rating:
1. Ogni Riferimento A Fatti Accaduti è Puramente Casuale
2. Uh Ah Brrr
3. Arrivederci E Grazie
4. New Dehli Deli
5. Il Pacco
6. Passaggi Nel Tempo
7. New York New York
8. Buone Notizie
9. La Banda Del B.B.Q. (Brooklyn, Bronx, Queens)
10. Pioggia E Cemento
11. Massacro All’Alba
12. Ogni Riferimento A Persone Esistenti è Puramente Casuale

 

Articoli Correlati:

1 commento »

Ultime recensioni

Barragán

BLONDE REDHEAD
Barragán

Luis Ramiro Barragán Morfín è stato uno dei più importanti architetti del ventesimo secolo.…

Crush Songs

KAREN O
Crush Songs

C’è una mia amica che ogni tanto mi chiede di mandarle un po’ di…

Coyote EP

GRAMLINES
Coyote EP

Quello che stupisce – mettendosi sulla lunghezza d’onda dei padovani GramLines – è quel…

No Bells On Sunday EP

MARK LANEGAN BAND
No Bells On Sunday EP

La discografia di Mark Lanegan è quasi diventata un labirinto; non è facile ricordarsi…

What’s Inside/The Heart of Seashells?

WONDERFLU
What’s Inside/The Heart of Seashells?

Tre ragazzi francesi e un italiano (alla batteria) compongono i Wonderflu, band parigina che,…

Lazaretto

JACK WHITE
Lazaretto

Jack White è un mago della musica: qualsiasi etichetta si voglia affibbiare all’artista statunitense…

The Physical World

DEATH FROM ABOVE 1979
The Physical World

Il piedino che tiene il tempo, come impazzito. Quell’ “uhu uhu uhu” molto White…

Thesis

KING AVRIEL
Thesis

I want people to understand where I’ve come from. And that’s maybe selfish or…