banner

KAISER CHIEFS
Start The Revolution without Me

4 aprile 2012

TAGS:

Kaiser Chiefs

Partiamo dal presupposto che già dai tempi di “Employment” i Kaiser Chiefs non si sono fatti scrupoli a usare ed abusare di sonorità particolamente elettroniche, seguendo l’onda che prima di loro avevano cavalcato Franz Ferdinand e soci. Nonostante una sensibile serie di oscillazioni tra elettrico ed elettronico, pop e rock, il gruppo ha mantenuto il suo tratto distintivo fino all’odierno “Star the Revolution without Me”. Figlio della trovata promozionale di “The Future is Medieval”, l’album riprende alcuni dei brani del disco precedente compiendo a mio avviso scelte più azzeccate e bilanciando meglio questa doppia anima pop-rock (scompaiono tra le altre la synth-poppeggiante “Out of Focus”, che non credo proprio ripiangerò).

“The Future is Medieval” era un album a “tracklist personalizzabile” tra i 20 brani proposti dalla band, mentre “Start the Revolution with Me” è un pacchetto unico di 13 brani capitanati dal singolo “Little Shocks”. Molta chitarra elettrica, una buona dose di interscambi tra distorti ed elettronico per un ritmo sincopato che tende a rimanere latente. L’album in generale riprende l’impostazione electro-rock con l’intro-synth di “On the Run”, con un accenno vagamente funk enfatizzata dal ruolo centrale della tastiera (“Starts with Nothing”, “Can’t Mind My Own Business”). Tanti cori, una particolare attenzione alla coppia chitarra-tastiera che gioca tra il surf e rockabilly, rende una buona parte di brani dei possibili singoli danzerecci (“Kinda Girl You Are”, “Problem Solved”) . Più cupo, con una strizzatina d’occhio ai Madness, è il falsetto di “All is Quiet”, arricchito da un assolo di piano, mentre un accenno di solarità quasi brit pop è alla base di “Cousin in the Bronx”. Caduta di stile per “Heard it Break” e “Man on Mars”, con scelte un po’ troppo forzate per un incontro mancato tra il pop anni ’80 e un rock distorto, al quale la band rimedia con “Things Change”. Un ultimo esempio di autocitazionismo con “Child of the Jago”, in cui quel sapore più malinconico di alcuni brani di “Employment” ritorna nei cori e controcanti.

A conti fatti questo ultimo disco dei Kaiser Chiefs sembra voler essere una edizione aggiornata del precedente, atta a ripulirsi da sbrodolamenti elettronici ed eccessivamente ridondanti. Bravi.

Start The Revolution Without Me
[ Cooperative - 2012 ]
Similar Artist: Franz Ferdinand, the Wombats
Rating:
1. Little Shocks
2. On The Run
3. Heard It Break
4. Kinda Girl You Are
5. Starts With Nothing
6. When All Is Quiet
7. Cousin In The Bronx
8. Things Change
9. Man On Mars
10. Problem Solved
11. Can’t Mind My Own Business
12. Child Of The Jago
13. If You Will Have Me

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…