KAISER CHIEFS
Start The Revolution without Me

 
Tags:
 
di Fabiana "Electra" Giovanetti
4 aprile 2012
 
Kaiser Chiefs

Partiamo dal presupposto che già dai tempi di “Employment” i Kaiser Chiefs non si sono fatti scrupoli a usare ed abusare di sonorità particolamente elettroniche, seguendo l’onda che prima di loro avevano cavalcato Franz Ferdinand e soci. Nonostante una sensibile serie di oscillazioni tra elettrico ed elettronico, pop e rock, il gruppo ha mantenuto il suo tratto distintivo fino all’odierno “Star the Revolution without Me”. Figlio della trovata promozionale di “The Future is Medieval”, l’album riprende alcuni dei brani del disco precedente compiendo a mio avviso scelte più azzeccate e bilanciando meglio questa doppia anima pop-rock (scompaiono tra le altre la synth-poppeggiante “Out of Focus”, che non credo proprio ripiangerò).

“The Future is Medieval” era un album a “tracklist personalizzabile” tra i 20 brani proposti dalla band, mentre “Start the Revolution with Me” è un pacchetto unico di 13 brani capitanati dal singolo “Little Shocks”. Molta chitarra elettrica, una buona dose di interscambi tra distorti ed elettronico per un ritmo sincopato che tende a rimanere latente. L’album in generale riprende l’impostazione electro-rock con l’intro-synth di “On the Run”, con un accenno vagamente funk enfatizzata dal ruolo centrale della tastiera (“Starts with Nothing”, “Can’t Mind My Own Business”). Tanti cori, una particolare attenzione alla coppia chitarra-tastiera che gioca tra il surf e rockabilly, rende una buona parte di brani dei possibili singoli danzerecci (“Kinda Girl You Are”, “Problem Solved”) . Più cupo, con una strizzatina d’occhio ai Madness, è il falsetto di “All is Quiet”, arricchito da un assolo di piano, mentre un accenno di solarità quasi brit pop è alla base di “Cousin in the Bronx”. Caduta di stile per “Heard it Break” e “Man on Mars”, con scelte un po’ troppo forzate per un incontro mancato tra il pop anni ’80 e un rock distorto, al quale la band rimedia con “Things Change”. Un ultimo esempio di autocitazionismo con “Child of the Jago”, in cui quel sapore più malinconico di alcuni brani di “Employment” ritorna nei cori e controcanti.

A conti fatti questo ultimo disco dei Kaiser Chiefs sembra voler essere una edizione aggiornata del precedente, atta a ripulirsi da sbrodolamenti elettronici ed eccessivamente ridondanti. Bravi.

Start The Revolution Without Me
[ Cooperative – 2012 ]
Similar Artist: Franz Ferdinand, the Wombats
Rating:
1. Little Shocks
2. On The Run
3. Heard It Break
4. Kinda Girl You Are
5. Starts With Nothing
6. When All Is Quiet
7. Cousin In The Bronx
8. Things Change
9. Man On Mars
10. Problem Solved
11. Can’t Mind My Own Business
12. Child Of The Jago
13. If You Will Have Me
Tracklist
 
 

Morning Tea – Nobody Gets A ...

Mattia Frenno è nato nel 1988, ma vanta già una buona esperienza con il gruppo…

Andy Stott – Faith In ...

In che direzione si muove Andy Stott? Dopo “Luxury Problems” era inutile cercare di…

Melvins – Hold It In

I Melvins sono il passato, il presente ed il futuro della musica. (Kurt Cobain).…

Dracula Lewis – Technical XTC

Anche se si è ormai perso quel gusto iniziale per il mistero e l’ambiguità…

Lamb – Backspace Unwind

Mi trovo un poco in soggezione a parlare degli inglesi Lamb: il duo mancuniano…