APPALOOSA
The Worst Of Saturday Night

 
 
9 aprile 2012
 
Appaloosa

Gli Appaloosa sono dei gran simpaticoni, oltre ad essere musicisti della madonna, ed ogni volta che mi è capitato di incrociarli ci sono scappate un sacco di risate oltre che godimento e frastuono. Ed è proprio in virtù dell’inesauribile senso dell’umorismo fracassone che li contraddistingue che hanno deciso di pubblicare il loro disco più stratificato e cerebrale, dedicandolo a e definendosi “energumeni del sabato sera”. “The Worst Of Saturday Night” ci presenta una band tirata a lucido, con i muscoli ben oliati ma che ci mostra una crescita “intellettuale” (spero di non offendere nessuno) che era facile attendere che prima o poi sarebbe avvenuta. Perché dietro l’aspetto trasandato e caciarone di questo manipolo di livornesi doc, si nasconde una passione viscerale per la musica e una devozione certosina alla sua resa (andateli a sentire dal vivo appena potete).

Come al solito tutto il lavoro è stato fatto in casa (Livorno) dalla band con l’aiuto del fido Antonio Castiello al mixer ed è così che è venuto fuori un disco che ci mostra gli Appaloosa ai loro massimi livelli: due bassi, una batteria, tastiere e sintetizzatori vari a macinare un suono fatto del ben noto noise, psichedelia crauta, elettronica molto analogica e sprazzi di dance e tecno. Quello che stupisce maggiormente è la grande capacità di ibridare e mescolare i generi, sventagliare una quantità di influenze e richiami che sarebbe ozioso mettersi ad elencare. Si passa dai ritmi sincopati e le cavalcate del noise americano (ma già mescolato a richiami glitch ed elettro) di “Calibrù” (o la più “canonica” “Beet Oven”) fino al folk delle brughiere di “Irish”, passando per le atmosfere orientaleggianti di “Yuri”, ma questa non è che una minima parte di ciò che potrete trovare nei quaranta minuti scarsi di “The Worst Of Saturday Night”.

Disco per energumeni, col cervello fino però.

The Worst Of Saturday Night
Black Candy – 2012 ]
Similar Artist: Shellac, Fugazi, Zu, Jesus Lizard, Tortoise
Rating:
1. Tekno Paste
2. Calibrù
3. Beet Oven
4. Straight To Monsel
5. Luli
6. Il Rouge
7. Irish
8. Mazzpower
9. Ciompo Power vs Nellano
10. Tito
11. Rehte
12. Western
13. Yuri
14. Tekno Paste Buone
15. Pellestate
Tracklist
 
 

Indianizer – Zenith

Allora, parlare di questa band non è facile per molteplici motivi: sono un calderone di generi mischiati insieme, sono difficili da ...

Winter – Ethereality

Album numero due per il progetto shoegaze di Samira Winter che conferma la sua passione per le distorsioni e gli anni ’90 ...

Lamansarda – Foreign Bodies

Provenienti dalla provincia di Napoli, i Lamansarda nascono nell’estate del 2013 proprio in una mansarda, dove i fratelli Antonio e ...

King Tuff – The Other

Grandi cambiamenti per Kyle Thomas, l’eclettico e avventuroso musicista che si nasconde dietro il nome King Tuff. Una decina d’anni dopo ...

Rainband – The Shape Of ...

Tradizionalismo come se piovesse nel nuovo album della formazione di Manchester guidata da Martin Finnigan. In Italia i Rainband hanno ...