banner

ITAL
Hive Mind

13 aprile 2012

TAGS:

Ital

La dance come la conosciamo oggi è arrivata al capolinea? E’ passato un ventennio (sic!) dalla sua emancipazione dalla stupidità; grazie a personaggi come Aphex Twin e il suo Selected Ambient Works la dance si è scoperta d’improvviso smart, intelligent. Da quel momento l’acronimo IDM ha assunto la funzione di un brand che certificava l’assenza di elementi dozzinali e vernacolari, in una parola “tamarri”, all’interno di tale sottogenere volto a far sculettare i fondoschiena alto-borghesi della bella gioventù metropolitana. Da circa un lustro la dance ha fatto un ulteriore passo, decidendo direttamente di abdicare al dancefloor. Se già nel 2005 con “Where You Go I Go Too” di Lindstrom si ancheggiava appena, l’anno dopo con “Afraid to Dance” dei Port Royal si staccava definitivamente la corrente alla sfera a specchi, la quale anch’ella aveva smesso di girare già da un po’. Ma chi è stato ad uccidere la dance? Tutto lascia supporre che si tratti di un avvelenamento lento e progressivo, perché il delitto si è consumato pian piano, anno per anno, con dosi sapientemente centellinate, così da far pensare ad una morte naturale, all’inevitabilità del fato.
E così non è stato, era tutto calcolato. La dance ci avrebbe abbandonato nel primo trimestre finanziario di questo 2012 e a somministrare l’ultima dose sarebbe stato proprio Ital col suo album di debutto “Hive Mind”. L’arma utilizzata, l’avrete ormai capito dagli artisti coinvolti, è stata l’ambient.

La techno e la house in questi venti anni si sono lasciate lentamente contaminare dall’ambient, influenza che all’inizio veniva adattata alle esigenze della dance e ad essa subordinata (le selezioni di Aphex Twin erano si intelligenti ma pur sempre viscerali) ma che ora, dopo anni di guerra civile con gli altri sottogeneri, è riuscita ad emergere come riferimento principale, cannibalizzando tutto ciò le girasse attorno, asservendo house e techno e trasformando il dancefloor da luogo fisico a luogo virtuale. Brian Eno sarà molto fiero di sé (direte: se sei Brian Eno non ci vuol molto ad essere fieri di sé e pure avete ragione).

“Hive Mind” di Ital quindi è l’ultimo prodotto dell’evoluzione “non dance” dei dj degli anni ’00 che sempre più flirtano con territori musicali adiacenti, di conseguenza saremmo in errore se considerassimo “Hive Mind” un disco house a tutti gli effetti, considerata la carne messa a fuoco in scarse 5 tracce e alla luce delle argomentazioni sopra esposte, acquista maggior senso se stimato come un disco ambient che ogni tanto corteggia, tra le altre cose, anche la house. Ital infatti è un buongustaio e come riferimenti non si fa mancare nulla: filtra con i Massive Attack di “Blue Lines” (“Israel”), con il dark ambient dei Demdike Stare (“Floridian Void”) e con l’ambient cosmico di “Afraid to Dance” dei Port Royal (“Privacy Settings” e “First Wave”) senza dimenticarsi dell’importanza dell’autopromozione commerciale nella opening track, dove campiona la prima riga di “Born this Way” di Lady Gaga e la buonanima di Whitney Houston con “I will Always Love You”.

Di ballare insomma non se ne parla parla proprio, se però vi piace che la musica vi accompagni nella vostra quotidianità non vi resta che annotare questo Ital e farci un pensiero.

TRST
[ Planet Mu - 2012 ]
Similar Artist: Jean Micheal Jarre, Port Royal
Rating:
1. Doesn’t Matter (If You Love Him)
2. Floridian Void
3. Privacy Settings
4. Israel
5. First Wave

Ascolta “Israel”

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

The Wilderness Inside

ARMY NAVY
The Wilderness Inside

Quando esce un disco degli Army Navy c’è una sola certezza: di sicuro si…

Earth, Wind And Fire EP

CAPITAN LOVE
Earth, Wind And Fire EP

Dietro questo lavoro di Raniero Spinelli, in arte Capitan Love, “Earth, Wind and Fire”…

Electric Skulls Radio

GO KOALA
Electric Skulls Radio

Pop elettronico di garbo e che trasporta come in un altra dimensione quello suonato…

La Pulce Nell’Orecchio

MANO
La Pulce Nell’Orecchio

Caldo e “naturale” il debutto “La pulce nell’orecchio” di Marco Giorio in arte Mano,…

Wine Dark Sea

JOLIE HOLLAND
Wine Dark Sea

Se sei un musicista e fai un album capace di prendereun sacco distelline/pallini/voti di…

Herd Runners

CHERRY GHOST
Herd Runners

Non c’è dramma peggiore per una band che quello di ripetersi, eguagliarsi, addirittura migliorarsi…

The Feast Of The Broken Heart

HERCULES AND LOVE AFFAIR
The Feast Of The Broken Heart

Sempre in bilico tra la passione per i suoni del dancefloor e un innegabile…

Familiars

THE ANTLERS
Familiars

Ascolto “Familiars” su un regionale Milano – Brescia. Di fianco a me c’è una…