OF MONTREAL
Paralytic Stalks

 
 
18 aprile 2012
 
Of Montreal

La storia che ci hanno sempre raccontato dice che quando gli anni 70 stavano per finire Londra bruciava. Quella storia, architettata di tutto punto, aveva una sua morale. Come le favole. Il punk ha lanciato il suo perché nel momento in cui musicisti col muso lungo e con la testa volta al passato avevano cominciato ad irrigidirsi sui loro strumenti. Fanatici della teoria musicale e del virtuosismo più becero. Qualcuno allora avrà tirato un sospiro di sollievo quando gli hanno detto che avrebbe potuto fare a meno degli Yes. Qualcun altro, ancora, s’è incupito. Nel centro c’è chi ha continuato sulla sua strada. Indispettito.

Non bisogna andare così indietro nella storia per analizzare gli Of Montreal. Certo. Ma mi rimane impossibile ignorare il filo conduttore che lega i ragazzi di Athens alla stagione del progressive o, ancora, a quella della psichedelica. Tratti comuni che non fanno in tempo a palesarsi che poi uno ne può far tranquillamente a meno.

Sono colorati gli Of Montreal. Bucolici e complicati come un quadro di Picabia. Ascoltarli vuol dire fare temporaneamente a meno della propria vita ed infilarsi in un gioco più grosso. Ci hanno abituati, da sempre, a calarci nella loro giostra di suoni e citazioni. Puzzle fuori dal comune in cui il pop s’incastra col prog. I Beatles con Zappa. I Gong con Prince. E tutto questo è anche “Paralytic Stalks”. Nient’altro che la conferma del genio degli Of Montreal. Nient’altro che quello che hanno nelle loro corde.

Non sono tipi che si chiudono negli schemi quelli di Athens. E l’album scorre tra attacchi di schizofrenia ed aperture cosmiche. Tra funk e caos. Aperture melodiche incastrate con mestiere e talvolta la voglia di strafare. Tutto comincia col melodismo acido e rarefatto di “Gelid Ascent”. “Spiteful Intervention” ha il sapore degli Animal Collective, “Dour Percentage” assomiglia invece al trasformismo colorato dei Genesis di Peter Gabriel. “Exorcismic Breedinf Knife” osa di più, tuffandosi nel caotico rumorismo dei Red Crayola.

Se non ci avessero viziati con opere del calibro di “Hissing Fauna, are you the Destroyer?”, probabilmente l’album sarebbe stato accolto con maggiore entusiasmo. Gli Of Montreal non sono amanti dell’ordine e allora “Paralytic Stalks” è un oggetto da decodificare e, come può succedere con David Lynch, non è detto che alla fine tutto torni.

Paralytic Stalks
[ Polyvinyl – 2012 ]
Similar Artist: Animal Collective, Genesis, MGMT
Rating:
1. Gelid Ascent
2. Spiteful Intervention
3. Dour Percentage
4. We Will Commit Wolf Murder
5. Malefic Dowery
6. Ye, Renew the Plaintiff
7. Wintered Debts
8. Exorcismic Breeding Knife
9. Authentic Pyrrhic Remission
Tracklist
 
  • dan

    deludente

  • ale

    è difficile entrarci, ma quando ci entri non vorresti uscirne più
    a me è piaciuto nettamente di più dell’ultimo, ci sono 3/4 pezzi che sono delle chicche assolute, una giostra di colori e ritmi
    bello

 

White Denim – Stiff

Dimentichiamo le atmosfere garage dei primi lavori: “Stiff” ci dice che la mutazione è avvenuta.…

Frightened Rabbit – Painting ...

La musica dovrebbe essere sempre una questione di cuore, una faccenda personale al di là…

Teleman – Brilliant Sanity

I londinesi Teleman, al secolo Tommy Sanders, Jonny Sanders, Pete Cattermoul e Hiro Amamiya, sono…

Pj Harvey – The Hope Six ...

Dell’ultimo disco di PJ Harvey, l’unica e inimitabile Polly Jean, si può dire molto, ma…

Jeff Buckley – You and I

Quando si è cominciato a parlare di un album postumo di Jeff Buckley, sembrava si…