banner

Lucia Manca – S/T

24 aprile 2012

TAGS: ,

Lucia Manca

Se c’è qualcosa che mi colpisce al primo ascolto di Lucia Manca è sicuramente la semplicità nelle sue parole, nella sua musica. Giovane promessa proveniente dalla fertilissima Puglia, ha pubblicato alla fine del 2011 il suo primo disco prodotto dalla milanese Novunque, intitolato semplicemente come il suo stesso nome. E’ una scelta che diversi artisti fanno, soprattutto quando si ha che fare con i propri debutti. La stessa Lucia ha definito “che nei primi album l’artista esprime meglio attraverso la musica e le parole i propri pensieri”. Frase che condivido pienamente, che mi offre un ulteriore spunto per analizzare meglio questo disco, che con molta probabilità descrive in modo molto intimo l’anima della cantautrice pugliese.
La produzione artistica del disco è affidata a Giuliano Dottori cantautore e chitarrista degli Amour Fou ed è già un buon biglietto da visita per iniziare.

Il disco composto da dieci tracce raccolte in 34 minuti, esplora il mondo visto dagli occhi nostalgici e sognatrici di questa giovane artista. “Sogno Antico” apre il disco attraverso arpeggi acustici, un’atmosfera nostalgica ed una melodia delicata, come la voce stessa di Lucia. “Il Mio Canto” brano fortemente indie-pop, canta la spensieratezza con gioia e ritmo. Il successivo brano “Dea” è il singolo che ha anticipato la pubblicazione di questo disco. Una canzone intima, nostalgica, eseguita con un canto soave, senza mai essere virtuoso. Con “Tutte Le Parole” la penna della scrittura passa in mano a Giuliano Dottori, per donarci un altro brano ricco di dolcezza. Dolcezza che viene riproposta con la successiva “Goccia a Goccia”, tra xilofoni ed un’atmosfera gioiosa.
Di altro respiro è l’intima e malinconica “Incanto”, che racconta la tragicità dell’amore con un cantato elegante. Un riff iniziale di chitarra apre la cavalcante “Prova A Cercarmi”, uno dei brani più ritmati del disco, capace di spezzare quell’aura sognante che predomina in quasi tutto il lavoro. Lentamente si apre “Il Tuo Ritorno”, con un testo focalizzato sull’insicurezza in amore. “Giochi Ancora” narra del passaggio spezzato nell’età adulta, con un ritmo folkeggiante. Con un’atmosfera sognante arriva il turno di “Lontano”, brano conclusivo che sembra chiudere il disco in una ninna nanna.

Nel complesso le sonorità pop ricercate di Lucia Manca sono piacevoli sin dal primo ascolto. Si avverte l’assenza di un brano che riesce ad emergere su tutti, quel singolo che spicca, magari con cui ricordarla quando arriverà il prossimo disco. Le atmosfere omogenee di tutto l’album possono piacere o magari stancare alla lunga, ma essendo un esordio è giusto valorizzare maggiormente i pregi di Lucia. Ed in questi 10 brani alla fine è riuscita sempre a mantenere un profilo raffinato, con un cantato che non ha mai voluto strafare, semmai ammaliarci con disarmante dolcezza.

Lucia Manca
[ Novunque - 2011 ]
Similar Artist: Cristina Donà, Erica Mou, la prima Carmen Consoli
Rating:
1. Sogno Antico
2. Il Mio Canto
3. Dea
4. Tutte Le Parole
5. Goccia A Goccia
6. Incanto
7. Prova A Cercarmi
8. Il Tuo Ritorno
9. Giochi Ancora
10. Lontano

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…

Earthbeat

BE FOREST
Earthbeat

Ambientazione: Pesaro, Italian east-coast.
Campo lungo. Il mare in inverno. Una distesa plumbea, sconfinata…

Future’s Void

EMA
Future’s Void

Fuori dalle città disperse nel nulla – quei punti luminosi in mezzo a zone…