banner

ISLANDS
A Sleep & A Forgetting

25 aprile 2012

TAGS:

Islands

Circa tre mesi fa era San Valentino. Nick Thorburn, che quasi da solo è gli Islands, lo sa bene, perché proprio il 14 febbraio è stato pubblicato “A Sleep & A Forgetting”, cominciato, per altro, esattamente un anno prima, come lui stesso ha dichiarato (e basterebbero queste poche righe per recensire l’intero album): This album is far more personal than any I’ve made before. I left New York after the end of a relationship and came to Los Angeles. There was a piano where I was staying and that’s where I wrote these songs. This record deals with loss, with memory and forgetting and with dreaming. I started writing it on Valentine’s Day and it’s coming out on Valentine’s Day.

Un concept album, insomma: romantico, ma mai sdolcinato, d’amore eppure non classico. Il mood l’abbiamo capito. Ed è totalmente diverso da quello dell’album precedente, e di quello prima, e di quello prima ancora etc… Gli Islands non sono mai gli stessi: e questo ci piace.
John ha il cuore spezzato, e i testi, anche se pieni di luoghi comuni, non possono essere che sinceri: forse una delle prime volte in cui l’esperienza personale di un abbandono si traduce in un album intero di canzoni a tema.

Non c’è solo il piano bar di “This is not a song”: c’è anche spazio per un folk essenziale con richiami Fleetfoxiani di “Oh Maria”, un pizzico di Real Estate e Girls (“No Crying”) qua e là, richiami al passato prog che incrociano il pop in “Same thing”, saltelli leggeri a rompere la noia in “Hallways”, chitarre da giovani Justice in “I can’t feel my face” per poi tornare alla normalità con canzoni come “Cold again” che ricordano gli Elbow o i Lambchop più tranquilli di sempre e la “Don’t I love you” parecchio “Infinite Arms” (Band of horses)…

I rischi in questi casi sono due: primo, il voler rinnegare la propria fede misconoscendo questa “robaccia” come parte dell’identità delle Isole; secondo, farsi influenzare dal già sentito riguardo all’argomento in questione e non apprezzare quello che di buono si può comunque trovare in un album che non è un capolavoro. Questo è il nostro compito. Quello di Nick Thorburn (che è più un’impresa, oserei dire impossibile) è di riuscire a far seguire ad una bella dormita (sleep) il dimenticarsi (forgetting) di tutto quello che crede di poter dimenticare chiudendolo in 11 canzoni più o meno di buon livello cantautorale…

A Sleep & A Forgetting
[ Anti - 2012 ]
Similar Artist: Elbow, Fleet Foxes, Girls, Real Estate
Rating:
1. In A Dream It Seemed Real
2. This Is Not A Song
3. Never Go Solo
4. No Crying
5. Hallways
6. Can’t Feel My Face
7. Lonely Love
8. Oh Maria
9. Cold Again
10. Don’t I Love You
11. Same Thing

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Petali

GIAN LUCA MONDO
Petali

Le suggestioni cominciano già dal nome “Petali”, che però non bastano da sole per…

Acoustic Dust

LEE RANALDO AND THE DUST
Acoustic Dust

Stare dietro alle carriere (ormai) separate di quella che era la complicata famiglia Sonic…

Soused

SCOTT WALKER + SUNN O)))
Soused

“Soused” è una collaborazione tra sperimentatori di razza, l’enigmatico Scott Walker (musicista con una…

Shallow

PISSED JEANS
Shallow

Alcune band gli esordi preferirebbero dimenticarli come errori di gioventù ormai superati, morti e…

Into The Wide

DELTA SPIRIT
Into The Wide

Eccoli di nuovo, i Delta Spirit. Meno allegri del solito, con un pizzico di…

L’Improbabile

BANDABARDO’
L’Improbabile

Spesso salire il carro di una major significa “riconoscimento” artistico dopo per anni di…

Listen

THE KOOKS
Listen

C’erano una volta dei ragazzini con la chitarra che giocavano a fare le rockstar,…

Another Language

THIS WILL DESTROY YOU
Another Language

A pensarci bene, per il grande disco dei This Will Destroy You bisognerà ancora…