AMBROSE AKINMUSIRE
When The Heart Emerges Glistening

 
Tags:
 
di Alessandro "Diciaddùe" Schirano
27 aprile 2012
 
Ambrose Akinmusire

Recensire un disco jazz, per uno che ha sempre privilegiato altri sound (pur non disdegnando, evidentemente, il genere in parola), è impresa non poco ardua. Fosse per me, liquiderei la faccenda dicendovi che il disco è uno dei più raffinati, eleganti e (massì perchè no?) ‘fighi’ del 2011.

Se permettete, faccio un po’ di “melina” con qualche cenno biografico (tutt’altro che trascurabile, comunque) sull’artista. Dunque, Ambrose Akinmusire è un trombettista californiano di 29 anni che può già vantare collaborazioni di un certo prestigio con sassofonisti del calibro di Jon Henderson, Joshua Redman e Steve Coleman. Dopo aver frequentato e portato a termine, nell’ordine, la Berkeley High School, la Manhattan School of Music, l’University of Southern California e il Thelonious Monk Institute of Jazz, in cui è stato allievo anche di Herbie Hancock – mica pizza e fichi – nel 2007 ha vinto la prestigioserrima Thelonious Monk Institute of Jazz Competition (la cui giuria era composta anche di gente come Quincy Jones e Herb Alpert).

Giungiamo quindi al 2008, anno in cui esce il debutto “Prelude: to Cora” (dedicato alla madre Cora) che fa drizzare le orecchie a stampa e addetti ai lavori. Arriva poi il contratto con la Blue Note Records e la pubblicazione di questo When the Heart Emerges Glistening.
L’apertura è riservata al crescendo di “Confessions to My Unborn Daughter”, quasi lo sbocciare di un fiore scandito dalla tromba di Ambrose (la quale si getta, nel corso degli oltre otto minuti del pezzo, in assoli dolcemente strazianti) e dal sassofono tenore di Walter Smith III. Si passa senza stanchezza dall’eleganza pianistica (grande Gerald Clayton) di “Jaya” alla cullante raffinatezza delle atmosfere più notturne e quasi “cool jazz” di “Henya” (con un’intro riservata esclusivamente al basso di Harish Raghavan), per poi giungere ad una sorta di divertissement, che spezza un po’ con i toni classici, quale “My Name is Oscar”, saggio di bravura del batterista Justin Brown con Ambrose che ripete ossessivamente il titolo stesso.

Consigliare un album come questo che non presenta passaggi a vuoto è un dovere oserei dire morale. Album per tutti i giorni, per tutte le stagioni.

When The Heart Emerges Glistening
[ Blue Note – 2011 ]
Similar Artist: (da prendere con le pinze) Miles Davis, Clifford Brown, Freddie Hubbard
Rating:
1. Confessions To My Unborn Daughter
2. Jaya
3. Henya Bass Intro
4. Henya
5. Far But Few Between
6. With Love
7. Regret (No More)
8. Ayneh (Cora)
9. My Name Is Oscar
10. The Walls Of Lechuguilla
11. What’s New
12. Tear Stained Suicide Manifesto
13. Ayneh (Campbell)

Tracklist
 
 

Function & Vatican Shadow ...

Certe città sono dei contenitori troppo grandi, mastodontici aggregati di parallelepipedi in cui perdersi. In…

Loscil – Sea Island

Scott Morgan e la Kranky, la Kranky e Scott Morgan. Il canadese, l’etichetta di Chicago…

Mark Lanegan Band – Phantom ...

Che Mark Lanegan sia un genio è cosa assodata, nomi come Screaming Trees e Queens…

Caribou – Our Love

Tornare a parlare di una delle personalità più multiformi e incisive della musica elettronica degli…

Thurston Moore – The Best Day

Sin già dai primi secondi del quarto disco solista di Thurston Moore, gli armonici che…