banner

TY SEGALL
Singles 2007-2010

2 maggio 2012

TAGS:

Ty Segall

Ty Segall è forse uno degli artisti più irrequieti degli ultimi, a dirla grossa, dieci anni. Di certo non un nome noto, al di qua dell’oceano, della scena musicale underground/lo-fi, preferisce muoversi in quella di nicchia sanfranciscana, non ponendosi troppo il problema di riuscire a fare ‘esplodere’ e far arrivare la propria musica ai fruitori meno attenti di quel suono garage di cui potrebbe porsi tranquillamente come uno dei portabandiera.
Ty inizia a farsi conoscere cominciando a far parte, da tournista, di gruppi che tutt’ora restano piuttosto anonimi come The Traditional Fools, Epsilons, Party Fowl, Sic Alps e The Perverts. Questo fino al 2008, anno in cui pubblica il suo primo disco solista, che poi di disco non si tratta, visto che esce sotto forma di cassetta: “Horn the Unicorn”. Da quel momento in poi Segall darà alle stampe più di una trentina di lavori, tra ep, raccolte, album di inediti e split album. Tenere il passo di ogni suo progetto non è quindi cosa facile, e se solo provaste a curiosare tra la sua discografia il risultato sarebbe senz’altro questo: mani nei capelli e tipica frase di circostanza “ma che cazzzzz….”.

La Goner Records, etichetta indipendente di Memphis, con questo “Singles 2007-2010” cerca di recuperare dal suo archivio, se così può essere chiamato, demo, pezzi dimenticati, registrazioni live o semplici cover. Il risultato sono 25 pezzi di puro e grezzo rock’n'roll.
Pezzi scheletrici come “Here We Go”, “It” e “Sweets” ovvero il trittico che da il via alla ‘raccolta’ sono l’essenza di Ty Segall. Chitarra spigolosa e stridente, batteria martellante e una voce lo-fi come se la registrazione provenisse dal fondo di una cantina. Si procede a suon di punk primitivo (“Skins”, “Ms. White”, “No no”), psichedelia (“…And Then Judy Walked In” avete presenti i Pink Floyd di “A sucessful…”?), Stoogeesmi vari (“Cents”l “My Sunshine”, “Hey Big Mouth”), demo (tra tutte l’acustica “Lovely One”) e con una serie di cover ben riuscite tra cui “I Think I’ve Had It” dei Gories, “Maria Stacks” dei Thee Oh Sees e “Bullet Proof Nothing” dei canadesi Simply Saucer.

Se vi consiglierei di partire da quì per andare alla scoperta di questo giovane scapigliato dall’anima punk? Ma certo che sì! Avanti!

Singles 2007/10
[ Goner - 2012 ]
Similar Artist: Stooges, The Pretty Things
Rating:
1. Where We Go
2. It
3. Sweets
4. Son of Sam (Chain Gang)
5. Skin
6. Booksmarts
7. Ms. White
8. … And then Judy Walked In
9. Cents
10. No No
11. Standing at the Station
12. My Sunshine
13. Fuzzy Cat
14. Maria Stacks (Thee Oh Sees)
15. Caesar
16. Bullet Proof Nothing (Simply Saucer)
17. Lovely One (Demo)
18. Happy Creeps
19. Hey Big Mouth
20. Dating (Demo)
21. So Alone (Demo)
22. Shoot You in the Head  (Demo)
23. The Drag (Demo)
24. Standing at the Station (demo)
25. I Think I’ve Had It (Gories)

Ascolta “Caesar”

 

Articoli Correlati:

1 commento »

Ultime recensioni

Barragán

BLONDE REDHEAD
Barragán

Luis Ramiro Barragán Morfín è stato uno dei più importanti architetti del ventesimo secolo.…

Crush Songs

KAREN O
Crush Songs

C’è una mia amica che ogni tanto mi chiede di mandarle un po’ di…

Coyote EP

GRAMLINES
Coyote EP

Quello che stupisce – mettendosi sulla lunghezza d’onda dei padovani GramLines – è quel…

No Bells On Sunday EP

MARK LANEGAN BAND
No Bells On Sunday EP

La discografia di Mark Lanegan è quasi diventata un labirinto; non è facile ricordarsi…

What’s Inside/The Heart of Seashells?

WONDERFLU
What’s Inside/The Heart of Seashells?

Tre ragazzi francesi e un italiano (alla batteria) compongono i Wonderflu, band parigina che,…

Lazaretto

JACK WHITE
Lazaretto

Jack White è un mago della musica: qualsiasi etichetta si voglia affibbiare all’artista statunitense…

The Physical World

DEATH FROM ABOVE 1979
The Physical World

Il piedino che tiene il tempo, come impazzito. Quell’ “uhu uhu uhu” molto White…

Thesis

KING AVRIEL
Thesis

I want people to understand where I’ve come from. And that’s maybe selfish or…