banner

ALEX WINSTON
King Con

7 maggio 2012

TAGS:

Alex Winston

Alex Winston, classe ’87, malgrado una provenienza statunitense va ad unirsi al club, spiccatamente europeo, di figlie illegittime di Kate Bush alla ricerca di un’incerta consacrazione sulla via di un art-folk-pop macchiato qui e là di aspirazioni commerciali. Ciò che contraddistingue approssimativamente la Winston dalle colleghe, oltre a una nazionalità che sporadicamente si manifesta sul prodotto se non con fumosi echi country, è un timbro acuto, infantile, su cui la ragazza riesce a lavorare affinchè non risulti irritante, attenuandolo accortamente mediante adeguate selezioni percussive e accompagnamenti orchestrali gradevoli.

Il debutto è composto in gran parte da pezzi già pubblicati in precedenti EP, singoli più o meno noti, come l’indie pop a bassa fedeltà di “Choice Notes”, graziata dallo spot televisivo di un’automobile, o la spensieratezza un po’ insignificante della bruttina “Sister Wife”, o ancora di “Velvet Elvis”, forte di una melodia tanto semplice quanto affascinante su cui la Winston ricama le tonalità più dolci della sua voce unendole a sonorità da far west e percussioni accattivanti. Quest’atmosfera da western in salsa Harmony si ripete più volte all’interno del disco, quando con successo (l’appiccicosa “Run Rumspringa” e la buona “Guts”, condita da xilofoni e campanellini vari), quando meno (la discutibile marcetta di “Fire Ant”). Altrove, ritmi quasi danzabili e una produzione marcatamente più pop allontanano la Winston da indiani e cowboy e la indirizzano verso un territorio che non sembra appartenerle affatto, come nelle controproducenti “Shock Me” e “Medicine”, improbabilmente ABBA in versione old west. Buoni i risultati quando il ritmo rallenta e lo sforzo sulla voce si palesa più che mai (“Benny”).

Per quanto le digressioni nazionalistiche riescano ad allontanare “King Con” da un filone trito e ritrito e a dar nuove sensazioni all’ascoltatore, la Winston, malgrado intenzioni più che buone, non riesce a trovare un sound compatto in cui inserirsi e dove esprimere in pieno le proprie capacità. È un po’ un peccato, ma confidiamo in una prossima evoluzione, di talento ce n’è.

King Con
[ V2 - 2012 ]
Similar Artist: Beth Jeans Houghton, CocknBullKid, Amanda Mair
Rating:
1. Fire Ant
2. Velvet Elvis
3. Medicine
4. Locomotive
5. Host
6. Guts
7. Sister Wife
8. Choice Notes
9. Shock Me
10. Benny
11. Run Rumspringa
12. The Fold

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…