banner

FIELD MUSIC
Plumb

7 maggio 2012

TAGS: ,

Field Music

I fratelli Brewis, cuore pulsante dei Field Music, hanno dichiarato in un’intervista di volersi scrollare di dosso l’immagine indie che il gruppo si portava appresso uscendo di casa la mattina. Suicidio commerciale? No, ai Field Music non gliene potrebbe fregar di meno, loro non fanno musica per ragioni finanziarie, loro non sono ‘commercially minded’!
Sarà per questo che la critica li ha premiati? Sarà per questo che loro stessi si sono premiati?

Il punto a loro favore che io personalmente gli attribuisco è quello di credere che i gusti del pubblico coprano un’ampiezza più rilevante di quella che le maggiori case discografiche promuovono: ecco perché i Field Music non hanno paura di cambiare.
“Plumb” è un album di 40 minuti: poco, se si conta che le canzoni sono 15… le prime tre si possono accorpare naturalmente a formare una mini suite, preludio di una “A new town” a dir poco geniale. I Brewis pescano parecchio dal grande sacco del passato, soprattutto quello della tradizione prog, e su questo non ci sono dubbi. Come non riconoscere dei falsetti alla Peter Gabriel o esperimenti con la chitarra in stile Yes? Insomma, a chi volete darla a bere? La hit dell’album dice I keep thinking about a new thing, e quale sarebbe questa nuova cosa?

Il voto sarà per forza esito di una media tra idee potenzialmente interessanti e sviluppo delle stesse alquanto scarno (presto e bene non stanno insieme, è risaputo). Questa fretta nel finire le canzoni porta soltanto ad un imbarazzante vuoto nell’orecchio dell’ascoltatore: finisci d ascoltare i cd e pensi: “ e adesso?”. Rimani spaesato: cambiamenti di tonalità che non portano a niente, aspettative di assoli illuse e in definitiva, troppo poco di quello cui i Field Music con il loro prog/pop ci avevano abituato.

Hotel Amour
[ Memphis - 2012 ]
Similar Artist: Genesis, Yes
Rating:
1. Start The Day Right
2. It’s Okay To Change
3. Sorry Again, Mate
4. A New Town
5. Choosing Sides
6. A Prelude To Pilgrim Street
7. Guillotine
8. Who’ll Pay The Bills?
9. So Long Then
10. Is This The Picture?
11. From Hide And Seek To Heartache
12. How Many More Times?
13. Ce Soir
14. Just Like Everyone Else
15. (I Keep Thinking About) A New Thing

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Do To The Beast

THE AFGHAN WHIGS
Do To The Beast

Se qualcuno avesse detto, appena qualche anno fa, che in questo 2014 sarebbe uscito…

Close To The Glass

THE NOTWIST
Close To The Glass

La storia dei Notwist è fatta di apparizioni improvvise. E di silenzi. Una carriera…

Il Profumo Dei Fiori Secchi

DAVIDE MARTISCIANO
Il Profumo Dei Fiori Secchi

“Il profumo dei fiori secchi” di Davide Matrisciano è un album lungo, impegnativo, intenso.…

The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

EELS
The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

Love Letters

METRONOMY
Love Letters

Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

S/T

THEE ELEPHANT
S/T

Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

In Roses

GEM CLUB
In Roses

“In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
Si…

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…