RUFUS WAINWRIGHT
Out Of The Game

[ Decca/Universal - 2012 ]
8
 
Genere: songwriting
 
7 Maggio 2012
 

Il mio rapporto con la musica di Rufus Wainwright può essere paragonato ad un giro sulle montagne russe. C’è la fatica e la tensione della salita, il brivido della discesa a tutta velocità e i momenti di stasi, necessari e allo stesso tempo un po’ noiosi. Lo considero uno dei più talentuosi cantautori pop dei nostri tempi, talvolta fin troppo narciso, dedito al guardarsi allo specchio al punto di annegare nell’autoreferenzialità. Di conseguenza, le ultime uscite discografiche sono state prese a schiaffi da una una pomposità tale da offuscarne il contenuto. Anche il precedente “Songs Of Lulu”, pur presentando la sua versione più scarna fatta essenzialmente di voce e pianoforte, finiva per appiattirsi al cospetto di una teatralità ai limiti dello stucchevole.

Con “Out Of The Game” il Nostro si riappropria di una dimensione più sobria, incline ad un pop sì laccato ed orchestrale, ma decisamente più fruibile e “umano”. Un equilibrio capace di regalare uno dei dischi migliori della sua carriera, in cui la voce incantevole si adatta alle canzoni senza soverchiarle, merito soprattuto della sapiente produzione di Marc Ronson. Sui brani soffia forte un vento di swing senza tempo, con quel tocco glitterato che diventa discreto marchio di fabbrica in un lavoro impeccabile nella forma e nel contenuto. Ci sono anche le salite più maestose, con un vestito meno gargiate del solito, quasi “casual”, capace di carpire gli umori più semplici dell’ascoltatore.

Probabilmente pensato per piacere ad un pubblico più vasto, “Out Of The Game” rappresenta l’episodio più fuibile dai tempi di “Poses”, di cui eredita la semplicità di fondo. La policromia degli arrangiamenti sempre eleganti costruisce un lavoro atemporale, fuori da ogni schema di coolness e moda passeggera. Il miglior Rufus Wainwright che si diverte a giocare facile con la forma canzone, pur rispettando pedissequamente un percorso di “pop alto” densissimo di qualità. Un disco di rara bellezza ed equilibrio.

Credit Foto: Tuomas Vitikainen / CC BY-SA

Tracklist
1. Out Of The Game
2. Jericho
3. Rashida
4. Barbara
5. Welcome To The Ball
6. Montauk
7. Bitter Tears
8. Respectable Dive
9. Perfect Man
10. Sometimes You Need
11. Song Of You
12. Candles
 
 

Jessie Ware – What’s ...

Jessie Ware è una cantautrice inglese che esordì nel 2012 con una piccola perla R&B infettata di sonorità anni ‘80, “Devotion”, ...

Future Islands – As Long As ...

È un album di rara eleganza quello che ci viene proposto dai Future Islands, che con questo “As Long As You Are” arrivano alla sesta ...

Born Ruffians – Squeeze

Sono passati solo sei mesi dal precedente “Juice”, eppure i canadesi Born Ruffians sono già pronti al ritorno in grande stile con un ...

The Struts – Strange Days

Mai come in questo particolarissimo periodo ho avuto modo di apprezzare album che trasmettessero buon umore e che, nella loro durata, mi ...

The Jaded Hearts Club – ...

C’era bisogno di mettere insieme tanti pezzi da novanta per un album di cover? A detta di tanti illustri colleghi recensori, ...