SANTIGOLD
Master Of My Make-Believe

 
Tags:
 
9 Maggio 2012
 

In quattro anni può succedere di tutto, figurarsi cosa può accadere in un mondo che vive di attimi come quello musicale. Nei quattro anni che separano il debutto dell’allora Santogold ne son successe tante, i personaggi à la M.I.A. sono divenuti di pubblico consumo, sono prolificate le Azealia Banks, le Lana del Ray, il Diplo sound ha coinvolto ogni angolo dello scibile e si è fatto sempre più sottile il confine tra mainstream e indipendenza sonora, in un gioco di echi e richiami continui. Che poi è un po’ il terreno di gioco perfetto per una che prima di mettersi in proprio scriveva pezzi per starlette pop e che, a detta sua, ha ritardato tanto la seconda uscita discografica per motivi di perfezionismo professionale.

Qualunque possa esser stata la motivazione a comportare tale ritardo non c’è troppo da preoccuparsi: Santi White non è una che si fa abbattere dai rinvii, anzi. Il nuovo “Master of My Make-Believe”, seppur non allontanandosi poi molto dalla collaudata formula dell’esordio, affina le capacità compositive dell’artista statunitense e le rinforza mediante la produzione di Diplo e Switch, David Sitek, Greg Kurstin, Boys Noize, solo per citare i più noti. Una squadra di quelle che si vedono raramente se non per qualche progetto di grosse aspirazioni commerciali, a cui potrebbe tranquillamente ambire Santi in questo nuovo lavoro.

Come se non bastasse la presenza di tre singoli molto forti (prima “GO!” in compagnia di nientemeno che Karen O, marcetta baldanzosa dal sapore new wave, poi il kuduro appiccicoso di “Big Mouth”, non a caso prodotta dai Buraka Som Sistema, e infine la bella “Desperate Youth” e le sue calde ventate ragga-chic) il disco è un tripudio di possibili singoli macinasoldi. Dall’hip-hop ipnotico di “Freak Like Me” o “Look at these Hoes” passando per il ritmo più lento e caraibico di una “This Isn’t Our Parade” o per le fascinazioni malinconicamente 80s di “The Keepers”, l’album scorre sereno senza particolari punti morti. L’ascolto palesa come, in fondo, il sound Santigold non abbia visto grandi evoluzioni rispetto al debutto, preferendo continuare a scrivere ottimi pezzi pop baciati da una scrittura brillante e da una produzione al passo coi tempi.

Master of My Make-Believe
[ Atlantic – 2012 ]
Similar Artist: Karen O, Major Lazer, Azealia Banks
Rating:
1. GO!
2. Disparate Youth
3. God From The Machine
4. Fame
5. Freak Like Me
6. This Isn’t Our Parade
7. The Riot’s Gone
8. Pirate In The Water
9. The Keepers
10. Look At These Hoes
11. Big Mouth
Tracklist
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Recent Comments