banner

BLACK EYED DOG
Too Many Late Nights

14 maggio 2012

TAGS: ,

Dimenticatevi quasi del tutto di Nick Drake, dimenticatevi delle soffici ballate notturne al sapor di “luna rosa” che componevano il mosaico musicale di Black Eyed Dog apprezzato nelle precedenti prove di studio. Il cambiamento era necessario, onde evitare di emulare se stesso e dimostrare a tutti che non si vive sempre delle stesse, seppur nobili influenze. Quello che era in tutto e per tutto un progetto solista adesso veste gli abiti più elaborati del trio; alla voce di Fabio Perrinello si aggiungono Alessandro Falzone alle percussioni e Anna Balestrieri alla voce, chitarre e piano. “Too Many Late Nights” sputa fuori dieci brani in stile blues rock a tinte scure, spiazzando chi aveva incrociato sul proprio cammino i due dischi precedenti. Allo stesso tempo la nuova scintilla non tarda ad accendersi quando, sin dai primissimi respiri di “When I Was Married To You” è chiaro che ci si trova al cospetto di un signor disco.

Il fuoco di un blues primitivo incendia la maggior parte degli episodi in scaletta, mentre lievi reminiscenze del Nick Drake di “Pink Moon” vivono solo di riflesso. Il lavoro sulla componente percussiva, spesso in primo piano, richiamano in mente Nick Cave, mentre le atmosfere ubriache e notturne li avvicinano concettualmente a Tom Waits. Certo, paragoni forti, ma sono soprattuto paramentri necessari a spiegare meglio quello che vive nei solchi del disco. Un album che non vive di mera forma, puntando soprattutto sulla sostanza di brani profondi e lirici, distillando in poco più di trentacinque minuti un liquore denso di emozioni e suggestioni antiche. Caldo come le più incendiarie notti d’estate ed elegante come la più bella delle danzatrici del ventre, il nuovo lavoro di, anzi DEI Black Eyed Dog è tra le più interessanti novità di questo 2012.

Cover Album

Too Many Late Nights
[ 300A - 2012 ]
Similar Artist: Nick Drake, Tom Waits, Nick Cave
Rating:
1. When I Was Married To You
2. It Turns You On
3. Dixie Gispy, Babe
4. Blowin’ Horns In Heaven
5. Heather
6. Crazy To The Bone
7. Sister
8. Land’s End Sanctuary
9. War Child
10. Paper Cuts, Light Green

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…

The Secret Of The Sea

BRUNO BAVOTA
The Secret Of The Sea

Il mare, adoro guardarlo mentre fa l’amore con la Luna, che inconsapevole lo attira…

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…