banner

SINEAD O’CONNOR
How About I Be Me (And You Be You) ?

21 maggio 2012

TAGS: ,

Talentuosa, controversa e scontrosa. Attributi in parte riduttivi ma inesorabilmente efficaci per un personaggio totale come la O’ Connor. A 22 anni dal successo mondiale e irripetibile di “Nothing Compares 2 U”, viene facile dimenticarsi quanto il rock al femminile a cavallo tra la fine degli anni 80 e gli anni 90 abbia ricevuto dalla leonessa irlandese. I capelli, cortissimi e provocatori, erano di fatto il simbolo di una vocalità capace di tessere straordinarie melodie ma il peso di un personaggio cosi tumultuoso sembrava di fatto averla travolta per sempre. Lentamente la ribelle Irish si è trasformata in una maschera patetica e grottesca, smarrita tra sbalzi polemici, malesseri autodistruttivi, provocazioni dissacranti ed atteggiamenti bruschi. Pallido ricordo di un’epoca lontana. Eppure, nonostante il bagaglio impietoso, il talento è destinato a non perdersi mai ma piuttosto a riproporsi, se possibile, sotto una nuova dimensione. Rifugiandosi nella solita grinta ed affidandosi ad una rispettabile vena creativa, ecco la costruzione di un album finalmente di livello. Affidandosi ai toni e alle linee melodiche della ballad, mai scontata ma di sicuro impatto, il tutto risulterà immediato ed efficace. Magari non propriamente esaltante come i bei tempi ma assolutamente esaustivo.

“4th And Vine”, apripista dell’album, ci avvolge in un folk effervescente con tanto di mandolino a scandire il ritmo, ma è con il singolo “The Wolf is Getting Married” che si aprono i giochi. Pop melodico, cadenza orecchiabile e ritornello efficace, formula che si ripeterà, a fortune alterne, più volte nel corso dell’album ; in particolar modo con “Old Lady” , “Back where you belong”, “Very far from home “.

“Reason with me”, però, è la vera delizia del disco. Canzone intensa ed autobiografica, fascino contagioso e magone romantico, in assoluto una delle migliori canzoni di questo 2012.

L’invettiva contro il clero in pieno stile O’Connor di “Take off your shoes” e la scarsa mordacità di “I Had a Baby” e “Queen of Denmark” concludono il percorso. Sinead O’ Connor si rifugia in nuovi spazi carichi di pathos, il disco è la visione di una ritrovata vocalità, incisiva e rispettabile. Semplicità e gusto, la leonessa irlandese è ancora in forma.

How About I Be Me (And You Be You) ?
[ One little Indian - 2012]
Similar Artist: Kate Bush, Tori Amos
Rating:
1. 4th And Vine
2. Reason With Me
3. Old Lady
4. Take Off Your Shoes
5. Back Where You Belong
6. The Wolf Is Getting Married
7. Queen Of Denmark
8. Very Far From Home
9. I Had A Baby
10. V.I.P

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…

Earthbeat

BE FOREST
Earthbeat

Ambientazione: Pesaro, Italian east-coast.
Campo lungo. Il mare in inverno. Una distesa plumbea, sconfinata…

Future’s Void

EMA
Future’s Void

Fuori dalle città disperse nel nulla – quei punti luminosi in mezzo a zone…