GRAHAM COXON
A+E

 
 
23 maggio 2012
 
Graham Coxon

Graham Coxon appartiene a quella schiera di musicisti a cui piace ancora giocare. A quarantatre anni si è ancora giovani, ma non certo ragazzini. Però, la musica dell’ormai non più- ex – Blur sembra quella di un ventenne che ama baloccarsi con gli strumenti più vari. Il ragazzo in questione è senz’altro uno dei chitarristi più personali e riconoscibili della sua generazione, ma in compenso armeggia anche con altri strumenti, tastiera e sax in primis. E quest’ultimo parrebbe addirittura un nuovo acquisto. La sua carriera solista sfiora i quindici anni di età e tocca gli stili più vari: in prevalenza reminescenze del gruppo in cui è divenuto grande, non disdegnando un gusto tutto suo per le sperimentazioni, senza tralasciare il (power) Pop, e non facendo mancare all’appello neanche una sua idea di folk e “canzone d’autore”, come avvenne per l’ultimo “The Spinning Top” del 2009.

Oggi, niente più folk per l’occhialuto inglese. Si va in direzioni diverse: sembra che la sua chitarra si sia fatta una bella scorpacciata di krauti, e il suo senso ritmico un indigestione di Dance e di Post – Punk. Mescolando i sopracitati elementi con l’attitudine british e un po’ scanzonata di Graham, ci troviamo davanti “A + E”, disco col quale riesce a stupire ancora, a colpire per bravura, coraggio, inventiva, voglia di divertirsi e di far ballonzolare l’ascoltatore. Le concessioni alla melodia non sono poi molte, se si tolgono la prima traccia e la conclusiva, rispettivamente “Advice”, un pezzo matto in pieno stile disco omonimo dei Blur, e “Oh Yeh Yeh”, dalle tonalità elettroacustiche, forse la più cantabile in questi dieci episodi che spaziano su territori senza dubbio più rumorosi e meno accessibili. C’è la caustica “City Hall”, con voce in lontananza a mo’ di eco e il ritmo puntato sul repeat ad accompagnare le sferragliate chitarristiche. Abbiamo l’ottima, danzereccia “What I’ll Take”. Ruvida e claustrofobica, come un po’ tutto il disco, lo è “Meet And Drink And Pollinate”, con tanto di voce robotica. E a questo punto, riusciamo quasi a non farci cogliere di sorpresa dai paesaggi stoner di “The Truth”, immersi poi in un contesto che è sia Kraut che Space. Una sanissima follia regna sovrana: per capirlo basta ascoltare brani quali “Running For Your Life”, “Bah Singer” o i dilatati sei minuti e mezzo di “Knife In The Cast”, scanditi da un roboante, marziale basso.

Uno dei dischi più interessanti d’ambito “rock e dintorni” finora partoriti dal 2012, e anche uno dei migliori del Coxon solista: un riuscitissimo mix di ciò che il chitarrista – cantante ha ascoltato, amato ed assorbito ultimamente. Il tutto riletto alla sua maniera, con piglio un po’ garage e un po’ lo – fi, e a suo modo anche leggermente Pop. Non era per niente facile riuscire nell’intento senza spersonalizzarsi. Lui ce l’ha fatta, e ora sono solo applausi.

A+E
[ Parlophone – 2012 ]
Similar Artist: Blur, Neu
Rating:
1. Advice
2. City Hall
3. What’ll It Take
4. Meet+Drink+Pollinate
5. The Truth
6. Seven Naked Valleys
7. Running For Your Life
8. Bah Singer
9. Knife In The Cast
10. Ooh, Yeh, Yeh
Tracklist
 
 

Clap Your Hands Say Yeah – ...

Dodici anni di carriera sono tanti per qualunque band. Parlando di Alec Ounsworth e dei…

Dutch Uncles – Big Balloon

Paladini dell’art-pop, i mancuniani Dutch Uncles tornano a due anni da “O’ Shudder” e lo…

Jens Lekman – Life Will See ...

Questo album parla di quelle persone che sono sedute in una sala d’aspetto, in attesa…

Strand Of Oaks – Hard Love

Avevamo lasciato Tim Showalter (ideatore del progetto Strand Of Oaks) alle prese con le confessioni…

Lawrence English – Cruel ...

Tra disci prodotti, progetti di sound designer, installazioni artistiche, e varie collaborazioni collaterali con altri…