NIKI & THE DOVE
Instinct

 
Tags:
 
di Marco DAlessandro
28 maggio 2012
 
Niki & The Dove

C’è poco da fare, se nasci svedese sono più le possibilità che da grande tu ti dia al synthpop che ad un’altra qualsiasi professione esistente. Sarà il clima a mantenere la mente fresca, o i paesaggi glaciali a far da ispirazione, o semplicemente il fatto che una volta che crei un mostro come gli ABBA difficilmente ne esci fuori senza conseguenze del genere, ma le migliori menti del pop elettronico vengono tutte da lì e solitamente non sbagliano un colpo. Un destino già scritto quindi quello di Malin Dahlström e Gustaf Karlöf, già quinto posto al BBC Sound of 2012 e ultimo exploit del filone alt-electro-pop al femminile.

Il duo, guadagnato un contratto con la Sub Pop realizza il proprio debutto su lunga distanza selezionando i migliori episodi dei due EP “The Fox” e “The Drummer” e aggiungendo qualche inedito, per un esordio che non brillerà per innovazione (le ispirazioni son sempre le stesse, gli anni 80, Moroder, Kate Bush, qualche etnicismo che non guasta mai e tanto pathos sintetico) ma appare comunque di indubbia qualità; i due svedesi assorbono le influenze e le restituiscono al pubblico filtrandole attraverso la propria visione di ciò che possa essere pop nel 2012. Come una Natasha Khan del sabato sera o una Zola Jesus con qualche ambizione da classifica in più, Malin sposa le propria voce con percussioni e tappeti di synth ; le vocalità più affini apparentemente sembrerebbero quelle di una Karin Dreijer Andersson privata di vocoder, almeno fino al momento in cui la Dahlström abbandona la patriottica glacialità per agganciarsi agli inevitabili spannung melodici.

“Instinct” si pregia di una notevole variegatura sonora: l’ascolto oscilla tra il più accessibile pop 80s (“Somebody”, la lenta “Last Night”), riuscite sperimentazioni (“Gentle Roar”, tripudio di bassi e percussioni affiancate a un cerimoniale funereo) e momenti prettamente danzerecci (i synth spediti di “The Drummer”). A spiccare su tutte è però l’ottima “DJ, Ease My Mind”, concitata ed epicheggiante cavalcata dreamwave, tra le più belle canzoni pop degli ultimi anni. Unica pecca, l’immaginario proposto risulta un po’ incerto, ma tra un tribalismo e una rievocazione sci-fi tutto diventa godibile senza che ci si faccia troppe domande.

Instinct
[ Sub Pop – 2012 ]
Similar Artist: Saint Saviour, Charli XCX, Class Actress
Rating:
1. Tomorrow
2. The Drummer
3. In Our Eyes
4. The Gentle Roar
5. Mother Protect
6. Last Night
7. Somebody
8. Love To The Test
9. DJ, Ease My Mind
10. Winterheart
11. The Fox
12. Under The Bridges

Ascolta “Tomorrow”

Tracklist
 
 

Cosmetic – Nomoretato

Ancora una volta una bella sorpresa dall’underground tricolore, un nuovo disco dei Cosmetic, “Nomoretato”, e…

Aa. Vv. – Next Life

La dipartita di un producer – DJ Rashad – che stava riscrivendo i confini della…

Greylag – S/T

Anni Settanta a tutto tondo nell’esordio omonimo degli americani di Portland Greylag, un buon viatico…

Splatterpink – Mongoflashmob

Gli Splatterpink nascono nel 1990 dal cantante e bassista Diego D’Agata (o D’Anatra), attualmente anche…

Function & Vatican Shadow ...

Certe città sono dei contenitori troppo grandi, mastodontici aggregati di parallelepipedi in cui perdersi. In…