KINDNESS
World, You Need A Change Of Mind

 
 
30 Maggio 2012
 

Kindness è il progetto di Adam Bainbridge, eccentrico produttore londinese. Classe 1982. E “World, You Need A Change Of Mind” è l’ennesimo esempio di nostalgia trasposta in musica. Glo-fi, dice qualcuno. Col piglio di un Ariel Pink qualsiasi e sulle tracce della chillwave di marca Toro Y Moi, Bainbridge, altro retromaniaco incallito, butta nel pentolone: funk, disco e house francese.

“World, You Need A Change Of Mind” è un po’ come ballare ad una festa organizzata dalla penna melanconica e desolata di Raymond Carver. Sacrificare la danza per una lacrima, di tanto in tanto. Un disco della misura del mercato hipster, furbo e subdolo come solo può esserlo chi decide di voler essere il carnefice, piuttosto che la vittima. E anche se quel lo-fi nebbioso e retrò, a poco più di due anni dagli esordi di Neon Indian & C., sembra non avere già più nulla da dire, Adam Bainbridge, coadiuvato in sede di produzione da Philippe Zdar (nome noto nel regno house francese), ci racconta il suo punto di vista, pure con un pizzico di sfacciataggine.

“World, You Need A Change Of Mind” è un disco di alti e bassi. Un album che si accende clamorosamente nei momenti più trascinanti: nel funk schietto di “Gee Up” e “Doigsong”, nell’house in chiave lo-fi di “Cyan”; e che si spegne pericolosamente nei momenti più slow (“Anyone Can Fall In Love” e “Gee Wiz”). Si fa scaltro dietro i cori della funkeggiante “That’s Alright”. Si appropria del marchio Washed Out nella sonnolenta e malinconica “House”.

Egocentrico, Adam Bainbridge è forse il tipo che sa com’è che ci si fa notare. A bordo piscina a raccontare com’è che è diventato musicista e di tutta la musica che ha ascoltato da bambino, compresa pure Anita Dobson da cui poi è presa “Anyone Can Fall In Love”. Che sia un genio, poi, o solo un farabutto imbroglione, è tutto da scoprire. Per il momento ci basti sapere che “World, You Need A Change Of Mind” è un album in grado di rapire, pur con i suoi difetti. E solo chi avrà il coraggio di lasciarsi persuadere può azzardare una conclusione definitiva.

  • BUY HERE
World, You Need A Change Of Mind
[ Coop – 2012 ]
Similar Artist: Toro Y Moi, Ariel Pink, Washed Out, Prince.
Rating:
1. SEOD
2. Swingin’ Party
3. Anyone Can Fall In Love
4. Gee Wiz
5. Gee Up
6. House
7. That’s Alright
8. Cyan
9. Bombastic
10. Doingsong

Ascolta “House”

Tracklist
 

1 Comment

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Gran disco, uno dei migliori di quest’anno.

 

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Recent Comments