banner

OBERHOFER
Time Capsules II

30 maggio 2012

TAGS:

Oberhofer

Brad Oberhofer è un ventenne riccioluto con un cuoricino in pena. Classico dunque che avendo una band riversi i suoi affanni in musica. E’ uno che vuol fare le cose per bene, Brad, perciò chiama in cabina di produzione Steve Lillywithe (U2 della tripletta iniziale “Boy”-”October”-”War” ma anche Simple Minds, Talking Heads e Rolling Stones).

Cuore in pena, dicevamo, da cui sgorgano versi sofferenti e inequivocabili: I gave you my love and you tore it apart, I don’t know what you think when you’re sleeping / I hope soon I’ll dream with you, You push me away from you and there’s nothing I can do. Per dire.

Se liricamente ce la si piange addosso, musicalmente si sprecano i riferimenti all’indie dell’ultimo decennio in modalità coral-euforica: in “HEART” fanno capolino i MGMT di “Congratulations” con qualche eco di Beach Boys e Animal Collective, in Landline puoi ritrovarci gli ultimi Los Campesinos di “Hello Sadness” (per la verità presenti un po’ in tutto il disco), in “Away From U” qualcosina di quei disadattati dei “Drums” con un po’ di power pop addosso.

“I Could Go” poi è chamber pop fino al midollo al servizio di un ritornello tanto banale quando addicting
Non manca, tuttavia, neanche la ballatona (“Yr Face”) con tanto di ululato a personalissimo parere irritantissimo (per carità mai quanto quello di “oOoO”). Nella conclusiva e sognante “Homebro” si respira addirittura qualche timido vento di nu-jazz
La migliore del lotto è forse “Haus” con i suoi accordi sbilenchi, i suoi stop e le sue ripartenze e tanto di violino finale.

Al di là di qualche personale insofferenza verso ooooh di chrismartiniana memoria e timbri simil-Luke Pritchard dei Kooks (non ce l’ho fatta a trattenermi, magari non sarà manco così ma io ce li sento) non c’è male, Brad. Mo’ però trovati na ragazza e smettila di piagnucolare.

Time Capsules II
[ Glassnote - 2012 ]
Similar Artist: Los Campesinos su tutti
Rating:
1. HEART
2. Landline
3. Away From U
4. I Could Go
5. Yr Face
6. oOoO
7. Cruisin’ FDR
8. Gold
9. Haus
10. Homebro

Ascolta “HEART”

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Do To The Beast

THE AFGHAN WHIGS
Do To The Beast

Se qualcuno avesse detto, appena qualche anno fa, che in questo 2014 sarebbe uscito…

Close To The Glass

THE NOTWIST
Close To The Glass

La storia dei Notwist è fatta di apparizioni improvvise. E di silenzi. Una carriera…

Il Profumo Dei Fiori Secchi

DAVIDE MARTISCIANO
Il Profumo Dei Fiori Secchi

“Il profumo dei fiori secchi” di Davide Matrisciano è un album lungo, impegnativo, intenso.…

The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

EELS
The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

Love Letters

METRONOMY
Love Letters

Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

S/T

THEE ELEPHANT
S/T

Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

In Roses

GEM CLUB
In Roses

“In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
Si…

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…