COSMETIC
Conquiste

 
 
4 giugno 2012
 
Cosmetic

I romagnoli Cosmetic arrivano al terzo disco, il secondo su La Tempesta, e lo chiamano “Conquiste”. Lavoro della maturità? Duro a dirlo, quel che è certo è che sin dall’incipit di “Lenta Conquista” le coordinate che appaiono delineate sono abbastanza chiare. I Cosmetic più che rifarsi all’ala più punk ed emocore (inteso, come al solito, nel senso più nobile del termine) degli anni ’90 fanno il verso, non sempre colpendo nel segno, a Sonic Youth, al movimento shoegaze (ma con una marcia “ruvida” in più) e a figli e figliastri di quel periodo, dai Silversun Pickups ai Serena Maneesh.

Purtroppo il paragone sarà, immagino, tra i più abusati ma un altro nome che viene alla mente è quello dei Verdena. Non gli ultimi, tra Battisti e atmosfere più “avant”, ma quelli che dai riff adolescenziali del debutto arrivano ai riff granitici e alle composizioni più strutturate dei dischi a seguire.

Da questo calderone esce quindi fuori un buon disco, “Conquiste”, che si va ad inserire forse come una mosca bianca nella piccola rinascita del rock italiano, probabilmente un figlio minore anche nel catalogo La Tempesta (i cui panzer sono ben altri, carriarmatirock o meno rock la cui qualità va scemando a discapito di pose, più o meno riuscite) ma che fa comunque la sua figura. Non ci troviamo di fronte all’emotività sbattuta in faccia dei Fine Before You Came, al rock diretto come un treno (o un cinghiale) dei Gazebo Penguins o all’elettronica tutto fuorchè italiana dei Drink To Me. Ci muoviamo invece tra trame ipnotiche (“Prima o Poi”, “La Fine del Giorno”), melodie tra My Bloody Valentine e Ride (“Calla”) e variazioni coraggiose sul tema, come ad esempio “Colonne d’Errore” o la dolce “Lo Spavento”. I feedback la fanno da padrone, a volte sommergono fin troppo la composizione e seguire il filo di “Conquiste” diventa difficoltoso.

Un disco onesto che ha tra le sue virtù quella di non seguire pedissequamente trend più o meno generali (e generici). Va anche bene così.

Conquiste
[ La Tempesta – 2012 ]
Similar Artist: Ride, Silversun Pickups, Verdena
Rating:
1. Lenta Conquista
2. Melly
3. Sitar
4. Scisma
5. Prima o Poi
6. La Fine del Giorno
7. Calla
8. Per Un Amico
9. Andreini
10. Colonne d’Errore
11. Lo Spavento
Tracklist
 
 

I Feel Like A Bombed Cathedral ...

Ad Amaury Cambuzat, già leader degli Ulan Bator e chitarrista dei faUSt, è stato sufficiente un giorno per dare forma alle quattro tracce ...

The Doormen – Plastic ...

Diamo il bentornato ai ravennati The Doormen che giungono al quarto album. Il loro post-punk abbracciava una forte carica ...

Circa Waves – What’s It ...

La band indie-pop di Liverpool è ritornata questo weekend con la sua terza fatica sulla lunga distanza – la prima per la PIAS – dopo ...

Martha – Love Keeps Kicking

Sono passati già due anni e i ricordi romantici sono tanti: era la fine di marzo del 2017, quando chi scrive prese un volo low-cost per ...

Chris Cohen – Chris Cohen

Già membro di numerose formazioni, tra cui i Deerhoof, The Curtains, Natural Dreamers e Cryptacize, Chris Cohen ha iniziato la sua carriera ...