banner

NORAH JONES
Little Broken Hearts

4 giugno 2012

TAGS: ,

Norah Jones

Eccola di nuovo Norah Jones, che sembra proprio alternare periodi di riflessione lontano dalle scene a momenti di grande attività. Dopo aver sfogato tutto il suo amore per il country con i Little Willies qualche mese fa, dà ora alle stampe il nuovo disco solista prodotto nientedimeno che da Danger Mouse (al secolo Brian Joseph Burton, affermato musicista oltre che metà degli Gnarls Barkley e una delle menti pensanti dei Broken Bells). Coppia da brividi (nata in seguito alla collaborazione di Norah all’album “Rome”, registrato da Burton insieme a Daniele Luppi) per un esperimento coraggioso che si rivela ben calcolato, nonostante i timori del Topo che ha detto, tra il serio e il faceto, di sperare che fare un album con lui non avrebbe fatto perdere alla Jones troppi fan.

Il singolo apripista “Happy Pills” sembrava fatto apposta per stuzzicare i benpensanti ma non troppo, innestando i ben noti dolci virtuosismi vocali della Jones su basi dall’elettronica moderata. Il resto del disco osa con brio, e una volta superata la strana sensazione che si prova di fronte alla novità quello che resta è un risultato ampiamente al di sopra della sufficienza. Norah sopravvive alla metamorfosi meglio di tante sue colleghe, lasciando momentaneamente da parte le atmosfere alla Laura Nyro senza però perdere di vista il passato (come gli arrangiamenti di piano e archi dell’iniziale “Good Morning”, di “She’s 22” e “Travelin’ On”, la pur leggermente distorta “Take It Back” e la vendicativa “Miriam” dimostrano ampiamente) né cedere troppo a tentazioni iper- tecnologiche (presenti nella sola “After The Fall”). Se la cava egregiamente insomma, soprattutto in pezzi come “Say Goodbye” e la title track che colpiscono con un arrangiamento elettro-nipponico, inquietante ma anche sorprendentemente sexy.

La Jones ancora una volta dimostra di non voler restare confinata nel ruolo ristretto di star pop-jazz, ma di avere i mezzi e la volontà per esplorare altri orizzonti musicali. Un incontro tra due artisti eclettici e curiosi questo “Little Broken Hearts”, una collaborazione rischiosa ma tutto sommato riuscita.

Little Broken Hearts
[ Blue Note/EMI - 2012 ]
Similar Artist: Broken Bells, Norah Jones
Rating:
1. Good Morning
2. Say Goodbye
3. Little Broken Hearts
4. She’s 22
5. Take It Back
6. After the Fall
7. 4 Broken Hearts
8. Travelin’ On
9. Out On the Road
10. Happy Pills
11. Miriam
12. All a Dream

 

Articoli Correlati:

Nessun commento »

Ultime recensioni

Burn Your Fire For No Witness

ANGEL OLSEN
Burn Your Fire For No Witness

Dopo “Half way home”, il primo album quasi interamente acustico, come è “normale” che…

Blank Project

NENEH CHERRY
Blank Project

Neneh Cherry è sempre stata una fuoriclasse. Dai tempi di “Buffalo Stance”, quando incinta…

The Golden Age Of Glitter

SWEET APPLE
The Golden Age Of Glitter

“Hello It’s Me / Do You Remember” cantavano gli Sweet Apple in “Do You…

Singles

FUTURE ISLANDS
Singles

Giunti al quarto disco studio, i Future Islands, band americana di Baltimora, legittimano il…

Present Tense

WILD BEASTS
Present Tense

Sono sempre stato attratto da quei periodi che vanno dall’accadimento di un guaio –…

Voices In A Rented Room

NEW BURNS
Voices In A Rented Room

Non pago delle le tirate rock con i Comets On Fire e perso nelle…

Earthbeat

BE FOREST
Earthbeat

Ambientazione: Pesaro, Italian east-coast.
Campo lungo. Il mare in inverno. Una distesa plumbea, sconfinata…

Future’s Void

EMA
Future’s Void

Fuori dalle città disperse nel nulla – quei punti luminosi in mezzo a zone…