THE WALKMEN
Heaven

 
Tags:
 
di Marco "Fratta" Frattaruolo
4 giugno 2012
 
The Walkmen

Il gruppo in questione non ha certo bisogno di presentazioni. Da dieci anni a questa parte è riuscito ad imporsi, nella sua città madre, la caotica e grigia New York, insieme a gruppi quali National, Interpol e Strokes, come portavoce di quel rock alternativo capace di affermarsi e conquistare buon seguito anche oltre oceano.
Non sarà quindi cosa semplice, per i fan di lunga data dei Walkmen, abituarsi ad un cambiamento, pensare ai propri beniamini in versione, non del tutto, ma in gran parte, folkeggiante. State tranquilli, non li troverete con barbe che arrivano ai piedi e camicioni di flanella, rimangono sempre i soliti precisi ed eleganti Walkmen, ma nel sound…beh nel sound ci sarà più di una sorpresa. Sì, perché il gruppo newyorchese guidato da Hamilton Leithauser,di ritorno dalla tournée come gruppo di supporto dei barbuti Fleet Foxes non è riuscito a non cedere alle lusinghe del produttore di questi ultimi, Phil Ek, e fatti armi e bagagli si è trasferito alla volta degli studi di registrazione di Ek nel bel mezzo dei boschi di Seattle. Era perciò prevedibile, e difficilmente evitabile, una sorta di svolta.

“Heaven”, loro sesto album in studio dal 2002 ad oggi, suona quindi meno tagliente e se vogliamo cupo (a detta dello stesso Leithauser). Non mancano le chitarre graffianti, à-la “The Rat” per intenderci, che fanno la loro comparsa in “Heartbreaker”, “Love You Love” e “Heaven”, ma è la presenza di cori ‘ancestrali’, nella traccia di apertura “We Can’t Be Beat” affidati a Robin Pecknold, e di chitarre acustiche dal suono squisitamente folk (“Southern Heart”, “Line By Line”, “Song For Leigh” e “No One Ever Sleeps”) o il suono quasi tropicale di “Love Is Luck” a lasciare abbastanza confusi i fedeli ascoltatori.

Difficile prevedere se questo nuovo album vedrà un maggior numero di fan delusi e amareggiati o sorpresi e allo stesso tempo entusiasti, di sicuro però il gruppo di New York dimostra di essere maturo e abile nello ‘sperimentare’ e nell’aprirsi a nuovi stili e influenze, e ancor di più a portare un tocco di colore al ‘grigiore’ della loro musica e della loro New York.
Ah, per il sottoscritto sono quattro stelline, su questo non ci piove.

Heaven
[ Fat Possum – 2012 ]
Genere: alt-rock
Rating:
1. We Can’t Be Beat
2. Love Is Luck
3. Heartbreaker
4. The Witch
5. Southern Heart
6. Line By Line
7. Song For Leigh
8. Nightingales
9. Jerry Jr.’s Tune
10. The Love You Love
11. Heaven
12. No One Ever Sleeps
13. Dreamboat
Tracklist
 
 

Function & Vatican Shadow ...

Certe città sono dei contenitori troppo grandi, mastodontici aggregati di parallelepipedi in cui perdersi. In…

Loscil – Sea Island

Scott Morgan e la Kranky, la Kranky e Scott Morgan. Il canadese, l’etichetta di Chicago…

Mark Lanegan Band – Phantom ...

Che Mark Lanegan sia un genio è cosa assodata, nomi come Screaming Trees e Queens…

Caribou – Our Love

Tornare a parlare di una delle personalità più multiformi e incisive della musica elettronica degli…

Thurston Moore – The Best Day

Sin già dai primi secondi del quarto disco solista di Thurston Moore, gli armonici che…