DIMARTINO
Sarebbe Bello Non Lasciarsi Mai, Ma Abbandonarsi Ogni Tanto È Utile

[ Picicca Dischi - 2012 ]
7.5
 
Genere: cantautorato
 
6 giugno 2012
 

A distanza di un solo anno da “Poveri Cristi: Vol.2” il secondo disco di Dario Brunori, la Picicca Dischi pubblica in questo 2012, uno dei lavori più belli in assoluto del panorama italiano degli ultimi tempi. “Sarebbe Bello Non Lasciarsi, Ma Abbandonarsi Ogni Tanto E’ Utile” seconda opera solista di Antonio Di Martino è un disco che omaggia la canzone italiana. Un disco maturo ed emozionante. Un netto passo in avanti dal suo predecessore, “Cara Maestra Abbiamo Perso” del 2010, dove una qualità maggiormente acerba, portava alla luce la poetica del cantautore palermitano. In questo nuovo episodio, DiMartino abbandona (quasi) del tutto la ruvidezza del suo rock per calarsi in una versione più soft che ci riporta in mente la leva dei cantautori storici italiani.

11 tracce che entrano dentro, parlando di amore, disillusioni e sogni. Ed una maturità artistica che arriva a stupire. Perché onestamente in cosi poco tempo, la crescita stilistica, sia nelle parole che nelle musiche è stata veramente sorprendente. Ci sono canzoni che profumano sin da subito di capolavoro. Vedi “Non Siamo Gli Alberi”, una canzone che emoziona sin dal primo ascolto, partendo dalla sua architettura pop-sanremese (ammettendo che dal festival sono anche uscite delle belle canzoni), alle sue parole mai cosi sincere (sarebbe bello non lasciarsi mai, ma abbandonarsi ogni tanto è utile, o necessario alla sopravvivenza di animali in estinzione come noi).
Vedi “Non Ho Più Voglia Di Crescere”, che sembra provenire dalle session di “Cara Maestra Abbiamo Perso”, tra il suo disincanto acuto ed il suo ritornello liberatorio. Vedi la malinconia riflessiva e toccante di “Maledetto Autunno”, oppure l’imprevedibilità di “Cartoline da Amsterdam”, dove si avvalora della collaborazione di Giovanni Gulino dei Marta Sui Tubi. Vedi “Venga Il Tuo Regno” , emblema perfetto del suo stile narrativo sempre più affinato o la nostalgia di “Oramai Siamo Troppo Giovani”.
Non voglio citare tutte le canzoni, perché sono sicuro che ogni ascoltare troverà i suoi brani preferiti, che consumerà nel suo lettore, imparando ogni singola parola.

Alla fine dell’ascolto di questo album si ha l’impressione che questo disco difficilmente passerà inosservato. Semmai si ha la netta sensazione che nell’arco di questi due anni che separano DiMartino dal suo debutto, ci sia stata una sorta di folgorazione compositiva, capace di donarci in questo anno, uno dei dischi più emozionanti. E speriamo che non sia l’ultimo.

Tracklist
1. Non Siamo Gli Alberi
2. Non Ho Più Voglia Di Imparare
3. Venga Il Tuo Regno
4. Amore Sociale
5. Cartoline Da Amsterdam
6. La Penultima Cena
7. Maledetto Autunno
8. Io Non Parlo Mai
9. Piccoli Peccati
10. Poster Di Famiglia
11. Oramai Siamo Troppo Giovani
 
 

Andy Burrows & Matt Haig ...

Sono passati ormai cinque anni dal suo ultimo album, “Fall Together Again”, ma questo weekend Andy Burrows è ritornato con il suo ...

C’Mon Tigre – Racines

Le radici per la propria terra, l’inclinazione al viaggio. Due concetti apparentemente in antitesi, ma chi è nato sul mare non potrà ...

Le Butcherettes – Bi / Mental

Sono passati più di tre anni da “A Raw Youth” e visti i tempi che corrono non poteva mancare un nuovo album di Le Butcherettes. Dopo ...

Guided by Voices – Zeppelin ...

Nuovo album per la band di Robert Pollard, da sempre leader dei Guided by Voices, band di cui abbiamo notizie sin dal lontano 1983. Dopo due ...

Ian Brown – Ripples

“Don’t be sad it’s over, be happy that it happened”. Così chiosava King Monkey, al secolo Ian George Brown, dopo ...