CHROMATICS
Kill For Love

[ Italians Do It Better - 2012 ]
9
 
Genere: electro-pop
Tags:
 
15 giugno 2012
 

Ogni generazione è ossessionata dal proprio lascito, ma per quella nata a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta le cose si sono messe male dal principio: una volta raggiunta la maggiore età, ci siamo persi dietro a complessini nu new wave che non susciteranno mai alcuna forma di venerazione storica. Messe da parte le cravatte strette e le Chucks, da qualche anno ci stiamo provando con Beach House, Grimes e “Hurry Up We Are Dreaming” che nelle aspirazioni degli M83 doveva essere una specie di testamento: il riciclo post-punk è stato un abbaglio, il passaggio di consegne è avvenuto. Oggi ci riconosciamo nell’esistenzialismo da luna park e nel bomber di Ralph Macchio; sta di fatto che continuiamo a non avere niente da consegnare o da ricordare.

Ci serviva una prova per dimostrare che stavolta non eravamo in errore, così abbiamo visto “Drive” e creduto che Brian de Palma o Michael Mann non avrebbero potuto fare la stessa cosa vent’anni utilizzando gli Snap al posto di Kavinsky. La sindrome del lascito è tale che quando arriva un prodotto minimamente sopra la media tendiamo subito a storicizzarlo, a volere che sia importante. E’ per questo che “Kill for Love” è il disco che ci meritiamo- uno dei migliori che potrete ascoltare quest’anno- ma anche un souvenir di ciò che siamo incapaci di fare: siamo i secondi della classe senza nessuna voglia di battere i primi (tanto stupid and contagious non lo siamo mai stati, diffidate di chi vi dice il contrario).

“Kill for Love” è il lato oscuro di “Footloose”, vogliamo ballare ma non possiamo farlo come se ci stessimo davvero credendo; ascoltiamo “Dust to Dust” e intravediamo la sagoma di Kevin Bacon proiettata sul muro, i suoi passi rallentati, le nostre braccia conserte, una scena che per lui è avvenuta tanto tempo fa, e per noi non è mai esistita.
C’è qualcosa di potenzialmente deprimente in questa lunghissima sequenza di canzoni, capace anche spensieratezza (“Back from the Grave”) e di disimpegno (“Lady”) del genere adesso vado a prendermi una cosa da bere e forse torno, tu continua a muoverti come se niente fosse. A fine serata non avremo molto da dire: languidi e mortiferi, felici e inconsapevoli, del nostro lascito generazionale non ci importerà granché. Però.
Però non è un caso che il disco si apra con “Into the Black” che fa il verso alla famosissima “Hey Hey My My” di Neil Young: una generazione non solo è solo ossessionata da quello che lascerà, ma vuole anche svalutare ciò che è stato prima. Se non possiamo battere i primi della classe possiamo almeno renderli ridicoli, è il divertimento compiaciuto che nasce dall’inferiorità.
Rock’n’ roll WAS here to stay: sapere che è colpa nostra non può che farci sentire meglio.

Tracklist
1. Into The Black
2. Kill for Love
3. Back From The Grave
4. These Streets Will Never Look The Same
5. At Your Door
6. Lady
7. Flashback
8. Running From The Sun
9. Dust To Dust
10. Birds Of Paradise
11. Electricity
12. Baby
13. The River
 
  • f.ede

    La recensione più bella di quest’anno. Rende eccome l’idea, e invoglia all’ascolto. Brava davvero, addeso me lo sparo nelle orecchie e poi torno per un mio giudizio.

  • f.ede

    Forse un pelo troppo lungo, e forse un paio di tracce centrali (“Broken Mirrors” e “The Eleventh Hour”) le avrei tolte. Per il resto solo ottime canzoni, che fanno ballare, riflettere e perchè no anche commuovere. “The river”, messa lì in fondo, è perfetta, uno dei brani più belli sentiti quest’anno. Concordo con il voto, 4 stelle.

  • Uno dei dischi più belli del 2012.

  • stu

    Ma io tutto sto pippotto sugli anni novanta non l’ho mica capito..
    comunque il disco anche se troooooppo lungo a me è piaciuto, ci sento dentro, gli air, four tet e pure i massive attack.
    Però forse è meglio se smetto di drogarmi.

  • ale

    bella recensione!
    ogni volta che mi avvicino a questo genere di musica penso: che 2 palle
    poi lo ascolto e mi trovo a battere il piedino e a muovere la testa a tempo…
    molto bello

    unica cosa: la tracklist credo sia sbagliata, io poi ho una versione con 17 tracce. boh

 

Neko At Stella – Shine

Neko at stella, tradotto sarebbe ‘Un gatto a stella’, un nome particolare per una band altrettanto particolare. Dopo il loro ...

Belle Adair – Tuscumbia

Torna la band dell’Alabama e lo fa con un disco che emana un calore musicale più forte e consistente rispetto al discreto “The ...

Calexico – The Thread That ...

Sono passati più di venti anni da quando la premiata coppia Burns&Convertino ha deciso di lasciare i Giant Sand di Howe Gelb, lasso di ...

Nicholas Krgovich – In An ...

Un album completo, mischia generi più classici – come blues e jazz – in una chiave alternativa, unendo tutto questo a sonorità ...

Shame – Songs Of Praise

Forse la stampa avrebbe preferito venderceli come i nuovi Libertines, magari la casa discografica stessa, ma poco importa, sicuramente pare ...