DEATH GRIPS
The Money Store

 
Tags:
 
18 Giugno 2012
 

“The Money Store”, seguito del mixtape “Exmilitary”, prima pubblicazione capace di portare alla ribalta il collettivo californiano per merito della molesta e appiccicosa “Guillotine”, è senza troppi dubbi uno dei dischi più pompati d’hype dell’annata in corso. Un percorso in continua ascesa per i tre americani, dagli scantinati di Sacramento ai palchi dei grandi festival, ai votoni di webzine e riviste, ai remix per quella vecchia volpe di Björk (che li cita inoltre tra i propri ascolti privilegiati in più interviste) e via dicendo.

L’aurea luminosa che incornicia i Death Grips non rappresenta mero hype quanto il frutto di una coincidenza fortunatissima: “The Money Store” è un po’ il disco di cui si sentiva il bisogno nel 2012. Proprio nel momento in cui tante sonorità si sporgono fino ad avvicinarsi alle masse, sound grezzi si ingentiliscono in un’ottica tendente a rendere populistici suoni da sempre di nicchia, il gruppo californiano va ad opporsi alla tendenza di mercato aggredendo l’ascoltatore con un hip-hop decostruito e riassemblato su montanti noise, dub, hardcore, in una spirale stortissima che trascina il pubblico fino in fondo e convince senza tante cerimonie.

Nulla è lasciato al caso, i ritmi spediti coinvolgono sia nelle circostanze più old-school (“The Fever (Aye Aye)”, “I’ve Seen Footage”) che negli episodi più sperimentali, quando per merito di deviazioni etnopunk (“Punk Weight”), quando affascinati da divagazioni dub senza troppi fronzoli (“Lost Boys”, “Blackjack”, “Double Helix”), quando sotto l’effetto di trip industrial (“System Blower”); a far da filo conduttore, oltre a pesanti macine lo-fi che convogliano il sound nella direzione più oscura, l’incazzatissimo Stefan Burnett a sbraitare le proprie memorie come se non ci fosse un domani. Eppure un domani c’è: è già stato annunciato il seguito di questo debutto, in uscita in autunno; scommettiamo che se ne parlerà parecchio.

The Money Store
[ Epic – 2012 ]
Similar Artist: Mykki Blanco & The Mutant Angels, Shabazz Palaces, OFWGKTA
Rating:
1. Get Got
2. The Fever (Aye Aye)
3. Lost Boys
4. Blackjack
5. Hustle Bones
6. I’ve Seen Footage
7. Double Helix
8. System Blower
9. The Cage
10. Punk Weight
11. Fuck That
12. Bitch Please
13. Hacker

Ascolta “Blackjack”

Tracklist
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Jamie T – The Theory Of ...

Il suo quarto album, “Trick”, era uscito a settembre 2016: da allora Jamie T aveva preparato ben 180 canzoni, scrivendole e ...

Hater – Sincere

Dopo quasi quattro anni dall’uscita di “Siesta”, a maggio gli Hater sono tornati con questa loro opera terza, pubblicata ancora ...

Dune Rats – Real Rare Whale

Tornano a farsi sentire i Dune Rats con questo loro quarto album, che arriva a due anni e mezzo di distanza dal precedente, “Hurry Up And ...

Traams – Personal Best

Dopo sette lunghi anni di attesa ecco finalmente tornare i TRAAMS con il nuovo attesissimo album. Una pausa davvero molto lunga considerato ...

Amanda Shires – Take It Like ...

Amanda Shires è sempre stata una ribelle nel mondo del country, non necessariamente rivoluzionaria nello stile ma decisa a non lasciarsi ...

Recent Comments