MELVINS
Freak Puke

[ Ipecac - 2012 ]
7
 
Genere: alternative rock
Tags:
 
22 Giugno 2012
 

Modificando l’ordine degli addendi il risultato non cambia. Potrebbe essere questo il perfetto sottotitolo a “Freak Puke”: ultima delle innumerevoli avventure discografiche dei Melvins, stavolta in versione “Lite” (“King Buzzo” Osborne più Dale Crover, affiancati dal bassista Trevor Dunn). Nessuno scioglimento in vista, però: la più recente delle line up “classiche” (Osborne, Crover, Warren e Willis) è viva e vegeta. L’avventura dei Melvins Lite potrebbe quindi a buon diritto essere aggiunta alla già lunga lista di side projects a firma Osborne, ma in realtà somiglia più a uno spin-off di quelli ben congeniati. Una deviazione dalla trama principale mantenendo invariati i punti fondamentali della storia: volume alto e chitarroni.

Pronti, via e “Mr. Rip Off” accoglie con una miriade di cupe distorsioni psichedeliche, cui segue una lezioncina su “come far diventare un violino lo strumento più diabolico che ci sia, con la massima disinvoltura” (ovvero “Inner Ear Rupture”, di nome e di fatto). “Baby Won’t You Weird Me Out” invece è un pastiche sonoro che rockeggia alla “vecchia” maniera (della serie: anni di carriera e non sentirli) mentre “Worm Farm Waltz” furoreggia a suon di hardcore gang vocals, aprendo la strada ai riff di “A Growing Disgust”, pesanti come giustamente ci si aspetterebbe. “Leon Vs. The Revolution” è fast, heavy, brutale e arrabbiata il giusto; “Holy Barbarians” è uno stoner rock ricco d’atmosfera, che di sacro non ha proprio nulla (profano e mefistofelico, semmai) ed è anche il brano in cui Crover e Dunn danno il meglio, insieme alla title track. E poteva mancare, in un disco a firma Melvins (che siano Lite o con tutti gli zuccheri e coloranti del caso) una cavalcata dal minutaggio importante? Certo che no, ed ecco quindi “Tommy Goes Berserk” (ben nove e quaranta). Discorso a parte merita “Let Me Roll It”, se non altro per il coraggio che Osborne e soci, che di timori reverenziali del resto non ne hanno mai avuti, dimostrano nel voler rifare i Wings alla loro maniera.

Nulla di nuovo sotto il sole, insomma: per quanto si possano rimescolare le carte e sperimentare soluzioni diverse, quel che rimane è la gioia di tenere in mano l’ennesima prova di forza degli scervellati Melvins (che comunque vada somigliano sempre e solo a se stessi).

Tracklist
1. Mr. Rip Off
2. Inner Ear Rupture
3. Baby, Won’t You Weird Me Out
4. Worm Farm Waltz
5. A Growing Disgust
6. Leon vs. The Revolution
7. Holy Barbarians
8. Freak Puke
9. Let Me Roll It
10. Tommy Goes Berserk
 

Got Something To Say:

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

 

Alex G – God Save The Animals

Nono album (e quarto per la Domino) per il prolifico Alexander Giannascoli da Havertown, Pennsylvania: il disco, che arriva a tre anni dal ...

Crack Cloud – Tough baby

Tornano i Crack Cloud, collettivo di Vancouver che continua ad esprimersi in maniere indipendente e che riesce ancora a confermare le ...

Cesare Malfatti – I Catari di ...

Cesare Malfatti non è un detective ma dell’investigatore ha l’acume e l’indole soprattutto quando la sua innata curiosità lo spinge ...

Johnny DalBasso – Lo Stato ...

Avevamo lasciato Johnny DalBasso qualche mese fa alle prese con i sei brani de “Lo Stato Canaglia”, progetto di ampio respiro che il ...

Tamino – Sahar

C’è qualcosa di diverso nel secondo album di Tamino e lo si capisce fin dalla foto in copertina: un ritratto in bianco e nero mentre ...

Recent Comments