MAXIMO PARK
The National Health

[ Warp - 2012 ]
6
 
Genere: indie-pop
Tags:
 
11 Luglio 2012
 

Partiamo con il presupposto che il 2012 sia l’anno del grande ritorno. Garbage e No Doubt che annunciano le nuove uscite, per non parlare poi delle reunion,i concerti stellari e nuovi album in cantiere, soprattutto per una buona fetta della scena indie dei primi anni 00. Tra i tanti ritorni non potevano mancare dunque i Maximo Park. La band di Paul Smith ha fatto dell’energico e orecchiabile due aggettivi portanti di una carriera, creando album adorabili e senza troppe pretese sperimentali. Pur ricordando che lo stesso Angus Young ci ha ammonito su come una band possa far 12 album che suonino esattamente allo stesso modo, c’è da dire che l’autocitazionismo ha i suoi contro.

“National Health” fondamentalmente gioca sull’altalenarsi di brani orecchiabili e sincopati, a cavallo tra synth ed elettrico, e alcune ballad più delicate, spesso quasi insipide. Non mancano spunti più marcati, come il distorto di “Banlieue” (particolarmente apprezzato) o i singoli electro confezionati a puntino(“Hips And Lips”), il brit più estroso a là Kaiser Chief (“Write This Down”) e la title track, particolarmente energetica ed arricchita del sostrato eco-elettronico. Nonostante queste soddisfacenti premesse, il resto del disco perde mordente fino alle vibrazioni anni 90 di “Wolf Among Men” e la ballad “Unfamiliar Places”, dimenticabile nonostante il suo delicato minimalismo. Tirando le somme, “National Health” ci riconferma l’abilità dei Maximo Park nel creare sottofondi delicati e sognanti ma al contempo solari, rischiando accasionalmente di ricadere nel baratro della mediocrità.

Tracklist
1. When I Was Wild
2. The National Health
3. Hips and Lips
4. The Undercurrents
5. Write This Down
6. Reluctant Love
7. Until the Hearth Would Open
8. Banlieule
9. This is What Becomes of the Broken Hearted
10. Wolf Among Men
11. Take Me Home
12. Unfamiliar Places
 
 

Shame – Drunk Tank Pink

Li avevamo messi alla prova qualcosa come due anni fa, gli Shame, con il loro esordio “Songs of Praise“, e in poco tempo i ...

Mighty Oaks – All Things Go

Formati da un inglese, un italiano e uno statunitense, i Mighty Oaks sono insieme da oltre dieci anni e lo scorso febbraio hanno pubblicato ...

Brigid Mae Power – Head Above ...

A poco più di due anni dal suo sophomore, “The Two Worlds”, Brigid Mae Power è ritornata lo scorso maggio con questo suo nuovo LP, il ...

Bacchae – Pleasure Vision

Provenienti da Washington, D.C., i Bacchae hanno realizzato questo loro secondo LP lo scorso marzo per la Get Better Records di Chicago. ...

Guided By Voices – Styles We ...

Che gli possiamo dire al buon Robert Pollard, uno che solo nel 2020 ha fatto uscire ben tre album a nome Guided By Voices (ormai sempre più ...