MAXIMO PARK
The National Health

[ Warp - 2012 ]
6
 
Genere: indie-pop
Tags:
 
11 Luglio 2012
 

Partiamo con il presupposto che il 2012 sia l’anno del grande ritorno. Garbage e No Doubt che annunciano le nuove uscite, per non parlare poi delle reunion,i concerti stellari e nuovi album in cantiere, soprattutto per una buona fetta della scena indie dei primi anni 00. Tra i tanti ritorni non potevano mancare dunque i Maximo Park. La band di Paul Smith ha fatto dell’energico e orecchiabile due aggettivi portanti di una carriera, creando album adorabili e senza troppe pretese sperimentali. Pur ricordando che lo stesso Angus Young ci ha ammonito su come una band possa far 12 album che suonino esattamente allo stesso modo, c’è da dire che l’autocitazionismo ha i suoi contro.

“National Health” fondamentalmente gioca sull’altalenarsi di brani orecchiabili e sincopati, a cavallo tra synth ed elettrico, e alcune ballad più delicate, spesso quasi insipide. Non mancano spunti più marcati, come il distorto di “Banlieue” (particolarmente apprezzato) o i singoli electro confezionati a puntino(“Hips And Lips”), il brit più estroso a là Kaiser Chief (“Write This Down”) e la title track, particolarmente energetica ed arricchita del sostrato eco-elettronico. Nonostante queste soddisfacenti premesse, il resto del disco perde mordente fino alle vibrazioni anni 90 di “Wolf Among Men” e la ballad “Unfamiliar Places”, dimenticabile nonostante il suo delicato minimalismo. Tirando le somme, “National Health” ci riconferma l’abilità dei Maximo Park nel creare sottofondi delicati e sognanti ma al contempo solari, rischiando accasionalmente di ricadere nel baratro della mediocrità.

Tracklist
1. When I Was Wild
2. The National Health
3. Hips and Lips
4. The Undercurrents
5. Write This Down
6. Reluctant Love
7. Until the Hearth Would Open
8. Banlieule
9. This is What Becomes of the Broken Hearted
10. Wolf Among Men
11. Take Me Home
12. Unfamiliar Places
 
 

The Honeydrips – Here Comes ...

Percorso accidentato ma ricco di soddisfazioni quello dei The Honeydrips, progetto solista dello svedese Mikael Carlsson. Tre album più ...

Pindar – Backgammon Vol.1 ...

Giusta intuizione quella dei due producer MiK Drake e JaK Turn, bravi a giocare a carte coperte sfruttando l’immaginario simil-Daft Punk e ...

Unruly Girls – Epidemic

Nonostante il prezzo più alto venga pagato sempre dai più deboli, dai più poveri, dagli ultimi – basti guardare all’America ...

Lucio Leoni – Dove Sei, pt.1

Lucio Leoni non è un nome nuovo della scena cantautorale, attivo già da parecchi anni e con un percorso di tutto rispetto fatto di ...

Einsturzende Neubauten – ...

In questi giorni pieni di noia e mestizia, mi capita spesso di imbattermi nelle parole di individui più o meno esperti che provano a ...