MAGIC TRICK
Ruler Of The Night

 
Tags:
 
20 luglio 2012
 
Magic Trick

State morendo dal caldo e non sapete che fare? I sali minerali non vi bastano più? Pensare a chi sta peggio di voi – agli zoccoli dei dromedari dello Yemen – nemmeno vi risolleva? Bene, “Ruler of the Night” è qui in vostro soccorso.

Tim Cohen, prolifico leader dei The Fresh & Onlys e di diverse altre band parallele, nei momenti di pausa tra un progetto e l’altro, secondo voi, cosa fa? Mette su un altro progetto, in barba al conflitto di interessi. Magic Trick è una band/non band che prende il nome dall’album dell’anno scorso realizzato da Cohen solista. Tutti gli indizi lasciano supporre che la natura del progetto sia circoscritta a questa parentesi estiva, in attesa dell’uscita a Settembre del nuovo album del gruppo principale. Una sorta di teaser promozionale prima dell’avvento autunnale del sesto album dei The Fresh & Onlys.
Nonostante la sua indole effimera, “Ruler of the Night” non è un album superficiale. Cohen solca delicatamente la tua anima come i bambini che giocano sulla battigia, afferrando piccoli pugni di sabbia per costruire il fortino a riva. Ti trascina a sé e ti racconta di un’estate di incontri, di ricordi dolciastri e buffi insieme, emersi da foto sbiadite trovate per caso mentre si riassetta casa, che raccontano di un sé remoto ormai dimenticato, brutalmente archiviato in un cassetto assieme ad attache e spillatrici.

Cohen ci ricorda la vera natura dell’estate, un anti-carnevale dove non si indossano le maschere ma si sfilano quelle che ci costringiamo a portare durante l’anno. Senza ansia, senza routine, senza più essere schiavi del tempo, l’estate ci ripulisce dalle conquiste dell’industrializzazione rimettendoci a nuovo. Quindi non vi meravigliate se le liriche di Cohen suonano svogliate, sghembe, sonnacchiose e a tratti farfuglianti, spesso ravvivate da un ritmo tipicamente beachy (boys), perché è proprio così che l’estate riduce i nostri sensi e la nostra attenzione e “Ruler of the Night” non vuole essere altro che la colonna sonora di questo tempo imperfetto.

Cover Album

  • Website
  • BUY HERE
Ruler of the Night
[ Hardly Art – 2012 ]
Similar Artist: Lotus Plaza, Julian Lynch, Tim Cohen, Beach Boys a 75 giri
Rating:
1. Ruler Of The Night
2. Torture
3. Invisible At Midnight
4. Sunny
5. Next To Nothing
6. Melodies
7. Angel Dust (Album)
8. Ruby
9. Same People
10. Weird Memory
11. I Say Your Name
12. I Can`t Imagine

Ascolta “Torture”

Ascolta “Invisible at Midnight”

Tracklist
 
 

Maggie Rogers – Heard It in a ...

No, “Heard It in a Past Life” non è il primo album di Maggie Rogers. È, tuttavia, il primo a non essere concepito e registrato in un ...

Gianni Maroccolo – Alone ...

Gianni Maroccolo fa parte di una generazione tra le più intraprendenti, musicalmente, in Italia. La sua biografia parla da sé, dai Litfiba ...

Officine Bukowski – Il primo ...

E’ strano. E’ strano come “Il primo giorno d’inverno” possa portare con sé la freschezza di un temporale ...

The Twilight Sad – It Won/t ...

I The Twilight Sad tornano a quattro anni di distanza da “Nobody Wants To Be Here And Nobody Wants To Leave”, album esaltato dalla ...

Toro Y Moi – Outer Space

Quando si arriva al sesto album è necessario rischiare e avventurarsi in generi non ancora esplorati o è meglio rimanere nell’ormai ...