LAWRENCE ARABIA
The Sparrow

 
 
27 luglio 2012
 

Entrare in piena afa estiva nella musica del neozelandese Lawrence Arabia fa uno strano effetto rigenerante. Le canzoni di “The Sparrow”, terza prova in studio del Nostro, sembrano venir fuori dalla veranda di un giardino di qualche aristocratica residenza inglese. L’eleganza delle composizioni riporta alla mente innanzitutto Neil Hannon e i Divine Comedy, per i tempi medio lenti e gli arrangiamenti, mai banali, che con qualche dettaglio arricchiscono la palette sonora. Nonostante lo stile non proprio proletario, non siamo al cospetto di un musicista che si “suona addosso” peccando in autoindulgenza, ma al cospetto di un ottimo cantautore che riesce ad essere diretto senza apparire scontato.

Un lavoro che si concede anche qualche piccola escursione in territori esotici, saldamente ancorato alla contemporaneità e bagnato di un’aura vintage ed elegante che richiama vecchie suggestioni beatlesiane. Lawrence Arabia è un autore maturo, che dimostra di saper maneggiare la materia pop e di saper costruire atmosfere apparentemente snob, ma ricche di sostanza. Une delle poche mosche bianche in un panorama pieno zeppo di nuovi cantori folk a bassissima fedeltà. Ogni tanto virare dalla strada più battuta può rappresentare una piacevole novità.

Cover Album

The Sparrow
[ Bella Union – 2012 ]
Similar Artist: The Divine Comedy, Scott Walker, Richard Hawley
Rating:
1. Travelling Shoes
2. Lick Your Wounds
3. The Listening Times
4. Bicycle Riding
5. The 03
6. Early Kneecapping
7. The Bisexual
8. Dessau Rag
9. Legends
Tracklist
 
 

Kamasi Washington – Heaven ...

Parliamoci chiaro, non sono un esperto di jazz, certo ne ascolto ma non sono di sicuro un “cultore” del genere: non per questo mi sento ...

Mecna – Blue Karaoke

Un disco per domarli, un disco per trovarli, Un disco per ghermirli e nel Blue Karaoke incatenarli. La poesia dell’anello riadattata al ...

Dirty Projectors – Lamp Lit ...

Il 2017 è stato probabilmente l’anno più difficile della carriera dei Dirty Projectors. Reduci da due album (“Bitte Orca” e “Swing ...

Bulldada – What a Bunch of ...

Avete presente la parola “Capolavoro”? Ecco molto spesso la si usa in contesti assolutamente insensati (come ad esempio “Mhh Ah Ah ...

The Vines – In Miracle Land

Con l’avvento del nuovo secolo, decine e decine di band nascevano con l’ondata cd. “new rock revolution” ed andavano ...