ALT-J
An Awesome Wave

 
Tags:
 
30 Luglio 2012
 
Alt-j

Esistono album ‘in maggiore’ e non me n’ero mai accorto. Intendiamoci: la colpa è mia e della mia inguaribile ignoranza, ma a colpirmi è un’idea ben più sottile e, ahimè, banale. Ovvero: è facilissimo far piangere, ma è dannatamente complicato riuscire a far sorridere senza cadere nel ridicolo. In ogni contesto culturale, il buonumore è quasi sempre prossimo al banale e dunque se nel 2012 esce un album come “An Awesome Wave”, che riesce nell’intento di intrigare senza scadere nel pop da MTV, questa è già di per sé una signora notizia.

Su MTV, per dir la verità, gli Alt-J di Joe Newman da Cambridge ci sono finiti, eccome, col bellissimo video di “Tessellate” interamente ispirato dal Rinascimento italiano. Ma il punto è un altro. Qualsivoglia paragone con altre band o artisti deve essere per forza di cose strutturato e portare con sé delle variazioni apriori. Ad esempio, può venire alla mente Four Tet, ma solo in una sua versione più organica e dunque del tutto snaturata. Oppure si possono citare gli ultimi Radiohead, ma in una modalità più diretta e meno sincopata: quindi anomala e altra da loro. I TV On The Radio? Forse. Ma meno indie e più stradaioli e con radici quasi grime. Ci sono spunti mutuati dagli ottimi (e dimenticati) Manes, ma la loro base non è un surrogato del metal, bensì un melting pot gradevole quanto originale.

La storia di questo quartetto di Leeds che nasce attorno a un triangolo (provate a premere alt+J su un Mac) in un college a Cambridge è affascinante e, se da un lato può servire a spiegare la varietà dell’offerta, certamente da sola non può bastare a disegnare un quadro completo di ciò che abbiamo davanti. Gwil Sainsbury (basso), Joe Newman (chitarra e voce) e Thom Green (batteria) studiavano Arte, mentre Gus Unger-Hamilton (tastiere) si cimentava con la letteratura inglese. Un circolo artistico più che una band? Forse. Ma le premesse sono quelle di un art-rock sublime, sognante senza gli inutili sostrati “dream”, “bubble” o altre ignobili definizioni.
Il resto è un album intriso di armonie vocali interessantissime (“Fitzpleasure”), innesti di cantato a cappella, momenti di musica black come in “Breezeblocks” e altri new wave dal colorito scuro, cupo. Poi si torna in un maggiore velato di tristezza.

Perché il pregio più grande di “An Awesome Wave” è proprio questo: la sua straordinaria normalità raccontata con eleganza, freschezza e soul. Di quello vero che quasi ti sembra di sfiorare mentre, tra lo stupore e un dolce sconcerto, lasci che una voce che non conosci ti chieda di seguirla per un viaggio di una quarantina di minuti.

An Awesome Wave
[ Infectious – 2012 ]
Similar Artist: Radiohead, Manes, The XX
Rating:
1.
 Intro
 


2.
 (The Ripe & Ruin)
 


3.
 Tessellate
 


4.
 Breezeblocks
 


5.
 (Guitar)
 


6.
 Something Good
 


7.
 Dissolve Me
 


8. 
Matilda
 


9.
 MS
 


10.
 Fitzpleasure
 


11.
 Piano
 


12. 
Bloodflood
 


13. 
Taro / Hand-Made


Tracklist
 
 

Suzanne Vega – An Evening Of ...

Chi in questi mesi ha dovuto rinunciare a un bel viaggio (magari oltreoceano) può consolarsi con questo delizioso disco dal vivo di Suzanne ...

I Like Trains – Kompromat

La parola Kompromat, si legge su Wikipedia, viene dal russo che significa”materiali compromettenti” ed è usato per indicare ...

The Slow Painters – The Slow ...

Quella dei norvegesi The Slow Painters è una delle scoperte epifaniche che danno un senso alla continua ricerca di nuovi nomi ...

The Flaming Lips – American ...

Torno a scrivere di musica dopo un po’ di tempo, dato che da un paio d’anni a questa parte sono stato trasferito dal sommo Riccardo ...

King Buzzo with Trevor Dunn – ...

King Buzzo si prende una piccola pausa dal sound ruvido cui ci ha abituato in quasi quattro decenni di attività e, a sei anni di distanza ...