TY SEGALL BAND
Slaughterhouse

[ In The Red - 2012 ]
 
Tags:
 
8 agosto 2012
 

Banale premessa genealogica: Nessuno, in ogni ‘arte’, come in musica, produce dal nulla; anche le più fulgide creatività si fondano su dinamiche di mimesi, autocombustivi intrecci d’influenze, atmosfere e ispirazioni. Fin troppo presente in questo marasma ideale, possiamo distinguere per massimi sistemi, una particolare tipologia di discendente musicale : lo ‘Stilista Vintage’. Sorvolando l’evidente contraddizione in termini, stiamo pur sempre parlando di moda, lo ‘Stilista Vintage’ non fa altro che pescare un capo di successo dal passato (es. shorts a vita alta), cambiare la disposizione di qualche cucitura e apporre la propria etichetta.

Naturalmente ciò non ha un effetto completamente livellante, c’è pantalone e pantalone, cucitura e cucitura, etichetta ed etichetta; il nostro amico Ty Segall è un ragazzo di gran classe e sarà proprio dura uscire senza i vostri “nuovi” shorts. “Slaughterhouse” , prima prova sotto la nomenclatura Ty Segall Band, rappresenta il culmine compositivo di un percorso fatto da 5 album solisti e un incalcolabile quantità di split, collaborazioni ed EP.

Si,stiamo parlando del solito album di garage rock californiano,ma una volta tanto ci passa tra le mani qualcosa di infuocato e compatto,qualcosa che a sentirlo gli MC 5 si sentirebbero ancor più importanti. Difatti sugli 11 brani grava un ascendente hard rock (“The Tongue” e “Wave Goodbye” in particolare), parimenti accompagnato dal marchio di fabbrica, o meglio etichetta, di casa Segall : l’attitudine Lo-fi (“Slaughterhouse” e “The Bag I’m In” ). L’ unico bottone fuori posto sembra essere la conclusiva “Fuzz War” ( dieci minuti in cui Feedback, Fuzz, rullate di timpani e cigolii metallici si aggrovigliano confusamente ), la quale finisce per suonare come una dichiarazione d’intenti un po’ pretenziosa e autoreferenziale.

Ma per questa volta l’ amico Ty sceglie le rifiniture giuste, azzeccando una manciata di melodie magnetiche (“Tell Me What’s Inside Your Heart” e “I Bought My Eyes”), ed ecco pronti un bel paio di shorts, di quelli da indossare alle feste con tanto alcool dove i vestiti si sporcano facilmente. Se invece vogliamo essere sicuri che il garage rock e la california abbiano ancora da dare mise più sconvolgenti, ci conviene frugare nel guardaroba alla ricerca di Purling Hiss e Thee oh sees.

Foto Credit: Denee Segall

Tracklist
 
 

Ride – This Is Not A Safe ...

Ricordo nitidamente di aver letto (altrove, ça va sans dire) un paio d’anni fa una recensione, composita nel lessico quanto scevra ...

Mannequin Pussy – Patience

Certe band vogliono solo veder bruciare il mondo. I Mannequin Pussy, per il momento, si accontentano di osservare compiaciuti il bel ...

Russian Circles – Blood Year

Una chitarra, un basso, una batteria, zero parole. Ai Russian Circles bastano pochissimi elementi per dar forma a un suono sì compatto e ...

Ra Ra Riot – Superbloom

Quinto album per gli eclettici Ra Ra Riot, primo dopo il divorzio dalla storica etichetta Barsuk. Una separazione che non sembra aver ...

PAWS – Your Church On My ...

Il loro terzo album, “No Grace” (2016), era stato prodotto da Mark Hoppus dei Blink 182 e li aveva portati su territori punk-pop: dopo ...