banner

BLOC PARTY
Four

29 agosto 2012

TAGS: ,

Bloc Party

La seconda parte della stagione 2012, quella che porta dritti alle folli messi di ristampe e cofanetti natalizi, si apre come meglio (peggio) non potrebbe. Tornano i Bloc Party, band di giovani cariatidi che, nonostante abbia all’attivo solo tre album (qui parliamo del quarto), ha già annoiato a livelli Green Day o Red Hot Chili Peppers. Il quartetto londinese ballò una sola stagione nel 2005 con quel “Silent Alarm” ché se non lo ascoltavi non eri nessuno, ennesima “new sensation” di NME, per di più con un organico multietnico e totalmente incapace di suonare dal vivo, insomma un caso di scuola. Seguirono poi dischi involuti, risibili, per non dire delle prove soliste di Okereke (voce) e Lissack (chitarra). Negli ultimi quattro anni dei Bloc Party si è parlato soltanto a causa del tira e molla circa scioglimento o meno del sodalizio.

Non si sono sciolti ed oggi tornano con “Four”, disco citazionista, autocitazionista, inconsistente, poco curato in tutti i passaggi dalla stesura delle liriche alla produzione, dal sound rock dozzinale e che ricorda le parabole discendenti di altre band capaci di esaltare e deludere cocentemente, su tutti i Muse, con l’iniziale “So he begins to lie” che ne ricalca tutti i lati peggiori ma si potrebbero citare pure i lavori più beceri di Red Hot Chili Peppers (“Octopus” e “Team A”) o i Faith No More allo sbando di fine carriera. A sottolineare quanto sia fuori tempo massimo questo disco, dalla copertina pure agghiacciante e che riporta alla mente un’altra band insulsa come i The Music. Cosa dire di “Coliseum” che riprende l’intro di “Loser” di Beck per avvitarlo in riff buoni forse per la nuova versione di “Guitar Hero”, quella che non uscirà mai.

Ora ripartiranno con la telenovela sul futuro del Bloc Party, Okereke ha già iniziato d’altra parte dimostrando di non aver chiaro il fatto che il futuro di questa band è passato da un pezzo. Disco orribile che esce anche in versione de-luxe con due tracce in più che mi sono voluto risparmiare.

Four
French Kiss - 2012 ]
Similar Artist: Muse, Franz Ferdinand, The Music, Red Hot Chili Peppers
Rating:
1. So He Begin To Lie
2. 3×3
3. Octopus
4. Real Talk
5. Kettling
6. Day Four
7. Coliseum
8. V.A.L.I.S.
9. Team A
10. Truth
11. The Healing
12. We Are Not Good People

 

Articoli Correlati:

2 commenti »

Ultime recensioni

Do To The Beast

THE AFGHAN WHIGS
Do To The Beast

Se qualcuno avesse detto, appena qualche anno fa, che in questo 2014 sarebbe uscito…

Close To The Glass

THE NOTWIST
Close To The Glass

La storia dei Notwist è fatta di apparizioni improvvise. E di silenzi. Una carriera…

Il Profumo Dei Fiori Secchi

DAVIDE MARTISCIANO
Il Profumo Dei Fiori Secchi

“Il profumo dei fiori secchi” di Davide Matrisciano è un album lungo, impegnativo, intenso.…

The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

EELS
The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

Love Letters

METRONOMY
Love Letters

Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

S/T

THEE ELEPHANT
S/T

Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

In Roses

GEM CLUB
In Roses

“In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
Si…

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…