WILD NOTHING
Nocturne

 
Tags:
 
31 agosto 2012
 
Wild Nothing

Quante cose vengono da scrivere ascoltando il secondo attesissimo album di Wild Nothing, al secolo Jack Tatum. Quasi nessuna che riguardi la musica. Innanzitutto (si fa per dire) “Nocturne” è stato presupposto per una grossa litigata a mezzo social network tra i collaboratori di due “importanti” webzine italiane; un lancio di stracci da strapaese, probabilmente facilitato dal caldo torrido che ha sciolto cervelli già non propriamente in fase. Il tutto sarebbe noiosissimo se non fosse preoccupante, grottesco e demenziale in senso negativo. La seconda è un vano tentativo di comprendere cosa faccia di una moda una moda, oggi tocca al “dream pop”: sonorità dilatate e garbate, sognanti appunto, con riprese ecumeniche delle dinamiche shoegaze, ma pure da quel pop un po’ gotico che affonda le radici sul finire dei Settanta (Police, Cure), a condire testi intimi, raggomitolati, in taluni casi autistici; tutto molto bello se serve a distaccarsi dal remake degli Ottanta che dura da un decennio ma per lunghi tratti noioso al limite del trauma cranico.

Questa recensione esce oggi, piuttosto a ridosso dell’uscita dell’album di cui tratta, quando probabilmente molti saranno così annoiati di leggerne che si scorderanno di ascoltare anche le undici tracce che formano “Nocturne”, perché nel frattempo si starà parlando, altrove, di una delle millanta grandi uscite dell’autunno prossimo. Che ci volete fare, da queste parti siamo tanto stupidi da credere che una qualunque recensione, pure la più illuminante (figurarsi questa) non potrà mai stare sullo stesso piano dell’opera d’arte che descrive. Ora basta farneticare però: sappiate che il disco di Wild Nothing non è un capolavoro, non è sconvolgente ma sa essere coinvolgente, soprattutto nella seconda parte, diciamo da “Disappear Always” in poi con i veri colpi di genio “Paradise” e “Counting Days” subito a seguire, quando cioè la camicia perfettamente stirata di Jack inizia a gualcirsi e il ciuffo a bagnarsi di sudore.

Un mezzo buco nell’acqua, considerate le attese.

Nocturne
[ Bella Union – 2012 ]
Genere: dream-pop, indie pop
Rating:
1. Shadow
2. Midnight Song
3. Nocturne
4. Through The Grass
5. Only Heather
6. This Chain Won’t Break
7. Disappear Always
8. Paradise
9. Counting Days
10. The Blue Dress
11. Rheya

Tracklist
 
 

Johnny Lloyd – Next Episode ...

Guarda un po’ chi si rivede. Johnny Lloyd dopo la fine dei Tribes (2013) ha intrapreso una carriera solista che, in realtà non è mai ...

Filthy Friends – Emerald ...

La storia la conosciamo ormai tutti: Peter Buck, storica chitarra dei R.E.M. (e successiva carriera solista e con i Minus 5) e Corin Tucker, ...

Clinic – Wheeltappers and ...

Tornano per la felicità dei fan, forse non tantissimi ma appassionati, dopo ben sette anni i Clinic con un nuovo album, una lunga attesa ...

Alex Lahey – The Best Of Luck ...

Ha le idee chiare la nostra Alex e, anche questa volta, come già nell’esordio “I Love You Like A Brother” (2017), piazza ...

Old Fashioned Lover Boy – ...

Battiamo forte le mani ad Alessandro Panzeri, in arte Old Fashioned Lover Boy, per non aver avuto paura di coltivare e far germogliare quei ...