YEASAYER
Fragrant World

 
 
31 agosto 2012
 
Yeasayer

Musica e banane hanno qualcosa in comune: prima di staccarne una dal casco si attende che ingiallisca, perché acerba ne languirebbe il sapore; in egual misura, prima di farsi un’idea su di un album è necessario far maturare gli ascolti e lasciarlo sedimentare per un po’ nella coscienza, così da poterne gustare il sapore esaltato dal tempo, l’unico ingrediente che faccia davvero la differenza.

“Fragrant World”, terzo album dei Yeasayer, coinvolge orecchie, palato e narici, in un gioco di sinestesie di futuristica memoria: l’elettro-pop della band è sia sfrigolante, come il suono delle patatine quando si sgranocchiano, con crepitii sintetici che letteralmente “friggono”, sia liquido, con suoni che si infrangono dolcemente sul bordo interno delle cuffie. L’opening “Fingers Never Bleed” e il primo singolo estratto, “Henrietta”, saggiano più che bene queste due caratteristiche.

Gli Yeasyear, ormai giunti alla terza fatica erano arrivati ad un bivio: indecisi se scegliere la pillola rossa del mainstream o quella blu dell’indie hanno mandato a quel paese Morpheus e ingoiato un placebo.
“Fragrant World” è il giusto compromesso tra le pulsioni tribali di “All Hour Cymbals”, l’elettronica sghemba ed irregolare di “Odd Blood” e le sensuali melodie hyper pop di Timbaland al servizio di “sei sempre nei nostri cuori” Justin Timberlake. E “Damaged goods” è l’esemplare della perfetta alchimia delle tre anime della band.
Rispetto al passato gli Yeasayer sono riusciti a realizzare un album omogeneo, con filler quasi del tutto assenti. Potenzialmente tutte le 11 tracce di “Fragrant World” potrebbero essere promosse a singoli, anche perché ogni brano dell’album è corredato da lisergici videoclip, tutti realizzati dall’artista nipponico Yoshi Sodeoka.

Non lasciatevi scoraggiare dal muro di sofisticazioni che la band ha scientemente costruito, né dalla ruffianeria palese delle melodie, dentro “Fragrant World” c’è un cuore meccanico che batte (forse una bomba?), pronto ad esplodere nel momento più opportuno, ovvero quando meno ve lo aspettate. Scoprirete finalmente che la sinestesia non è solo una figura retorica da imparare a memoria per l’interrogazione di Italiano ma che, veramente, è possibile ritrovarsi col palato nelle orecchie e riuscire ad ascoltare sapori ed assaporare suoni. Con buona pace di Baudelaire (e i Baustelle) e del cinema 3D. Servono solo un paio di cuffie e “Fragrant World”.

Fragrant World
[ Secretly Canadian – 2012]
Similar Artist: MGMT, Animal Collective post rehab, Justin Timberlake
Rating:
1. Fingers Never Bleed
2. Longevity
3. Blue Paper
4. Henrietta
5. Devil and the Deed
6. No Bones
7. Reagan’s Skeleton
8. Demon Road
9. Damaged Goods
10. Folk Hero Shtick
11. Glass of the Microscope

Ascolta “Henrietta”

Tracklist
 
 

Melanie De Biasio – Lilies

Presentando il disco nuovo, la stessa De Biasio aveva parlato di un disco contemporaneamente luminoso eppure oscuro. Ma quello che più ...

Nordgarden – Changes

Ritornato da pochi giorni con un LP di materiale inedito dopo sei anni dall’uscita di “You Gotta Get Ready”, Terje Nordgarden non è, ...

The Rasmus – Dark Matters

Tra il dire e il fare questi finlandesi sono già arrivati al nono album (il primo “Peep”, risale al 1996). Certo, il loro ...

The Districts – Popular ...

Il terzo “full length” degli statunitensi The District arriva nel 2017 via Fat Possum Records. I quattro ragazzi di Lititz, piccola ...

Ducktails – Jersey Devil

Ahi, qualcosa stavolta non funziona. Matthew Mondanile era atteso a dimostrare che il divorzio dai Real Estate aveva comunque avuto positive ...