J DILLA
Rebirth Of Detroit

 
Tags:
 
7 Settembre 2012
 
Jens Lekman

Comporre per molti, quelli bravi, è una cosa naturale, una esigenza, come sedersi e fare la cacca. Il “produttore” invece è uno che “studia”, è uno che ha sentito vagonate di Musica, è uno curioso, è uno che fa esperimenti, è uno che non sottovaluta niente, è uno che si ciba esclusivamente di Musica, è uno che cerca la Musica, che la crea.
J Dilla era un Produttore. Il Produttore è capace di cambiare il suono di un genere o creare un genere o quantomeno caratterizzare un genere. J Dilla lo ha fatto, piantando così una inamovibile pietra miliare.

J Dilla è nato e cresciuto a Detroit ed ha evidentemente caratterizzato la Musica Hip-Hop fornendo “backbeat” ad una considerevole quantità di ottimi rappers per più di una diecina di anni. E’ morto nel 2006 a 32 anni in seguito ad una malattia e questo disco postumo è stato voluto da sua madre che ha messo insieme Musica inedita lasciata dal figlio, ha chiamato a raccolta un po’ di rappers (circa una quarantina !) di Detroit ed ha voluto così celebrare suo figlio ed auspicare la rinascita della città in cui è nato, oggi in ginocchio a causa dalla crisi economica.
E’ necessario sottolineare che questo disco è stato realizzato con materiale che l’autore aveva deciso di non pubblicare ed è stato pubblicato oggi non per sua volontà e con la partecipazione di artisti non scelti da lui. E’ inoltre il terzo disco postumo di J Dilla.

Si tratta quindi di “avanzi” scelti e rimaneggiati da altri.
Perlamordiddio, ci sono ottime ricette composte da pane raffermo, ma il pane appena sfornato e scelto dal fornaio è sicuramente tutta un’altra cosa !
E comunque, anche se si tratta di rimanenze delle rimanenze si tratta pur sempre di roba prodotta da una leggenda dell’Hip-Hop ed è sicuramente molto meglio delle prime scelte di artisti oggi sulla cresta dell’onda.

E’ un disco ovviamente carico di suoni jazzy e nu-soul ma non contiene ne capolavori da analizzare attentamente ne schifezze indegne di essere ascoltate. E’ un disco che un appassionato del genere avrà quasi sicuramente nella sua collezione o quantomeno avrà ascoltato con attenzione.

Cover Album

Rebirth Of Detroit
[ Ruff Draft – 2012 ]
Similar Artist: Waajeed, Mos Def
Rating:
1. The New Installment (Intro)

2. Detroit Madness
3. Big Thangs

4. Ride With It
5. Say My Name

6. Detroit Game
7. Feel this Shit
8. City of Boom
9. Pet’s Pray Together
10. Requiem
11. Do It Right
12. My Victory
13. Rebirth is Necessary
14. DILLATROIT

15. Center of The Movement
16. Pitfalls
17. Do It For Dilla Dawg
18. Jay Dee’s Revenge
19. Motor City Sparks
20. House Shoes Was Spinnin
21. The Best That Ever Did It
Tracklist
 
 

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...

Sea Girls – Open Up Your Head

Il mondo musicale inglese, ormai, ogni giorno propone nuovi progetti tutti da scoprire: infatti, non è un caso che vi sia un genere ...

Paul Armfield – Domestic

Dopo mesi passati forzatamente rinchiuso e prigioniero tra quattro mura c’è chi di casa non vuol più sentir parlare. Paul Armfield, ...

Bill Callahan – Gold Record

Il fu Smog Bill Callahan ritorna a noi dopo solo un anno dal precedente “Shepherd In A Sheepskin Vest” (LEGGI QUI LA RECENSIONE) ...