THE XX
Coexist

[ Young Turks - 2012 ]
9
 
Genere: alt-rock, new wave, soul
Tags:
 
10 Settembre 2012
 

E così, non era un fuoco fatuo quello acceso tre anni fa da dei tizi nero-vestiti rispondenti al nome di XX.

C’era questo timore, in giro, attendendo l’uscita del nuovo album del terzetto londinese. Un po’ come i poveri Bloc Party (e mille altri gruppi, non voglio accanirmi su Okereke e soci), squagliatisi dopo l’esordio sotto il calore di troppo sperticati elogi. Ebbene, gli XX non fanno parte di questa cerchia. Forse l’austerità e la seriosità che mostrano all’esterno altro non rappresentano che il riflesso della loro concentrazione e della loro dedizione. Attitudini che confluiscono nei loro pezzi: languida fermezza, malinconica solennità, pause e vuoti sapientemente dosati e quel senso di piacevole tristallegria che ti rimane dentro quando hai appena ascoltato qualcosa di grande. Perché, parliamoci chiaro, “Coexist” è un album grandioso, dove grandioso non fa affatto rima con grandeur. Piuttosto i nostri qui hanno proceduto per sottrazione al già molto scarno omonimo primo disco, guadagnandone in solidità e rifinitura del loro sound. Rifinitura ed evoluzione: lo avevano annunciato anche un anno fa, che questo secondo lavoro sarebbe stato maggiormente influenzato da atmosfere da club. E in effetti, Jamie Smith (meglio conosciuto come Jamie XX, al lavoro anche con Adele e Florence and the Machine, passando per il disco di remix “We’re New Here” dell’ultimo Gil Scott Heron) si conferma produttore di qualità sopraffina, riuscendo a rivestire le tenui melodie vocali di Oliver e Romy di una veste ancor più minimalista e a conferire al tutto pulsioni clubbing. Meno concessioni alla melodia catchy, alla melodia cristallina che rimane in testa al primo ascolto (niente più “VCR”, “Islands” o “Crystalized”), molte molte di più al ritmo, all’atmosfera e alla compattezza. Con una ricerca e una cura dei dettagli che ascolto dopo ascolto si rendono sempre più evidenti.

E allora “Chained” si muove obliquamente su un impianto ritmico dubstep, in “Fiction” Oliver si impadronisce del microfono alzando finalmente un po’ il tono, “Reunion” vive di intimismo ai massimi livelli interrotto da un’elettronica nebulizzata che prende man mano corpo fino a farsi classico intermezzo Burial. Per la verità, l’ombra di William Bevan fa capolino spesso: negli echi di “Missing”, nella sospensione di “Sunset”, nella stessa “Chained” prima citata. In “Swept Away”, poi, i tre sparano tutte le proprie cartucce: ritmi club, deep house e soul, chiudendo con una svirgolata di pianoforte. Ad “Our Song”, palpito di cuore in risveglio su solito testo malinconico, è affidato il congedo di un album splendido.

No, quello degli XX non era un fuoco fatuo: magari è un fuoco a ritmo lento come questo sophomore, ma più vivo che mai.

Tracklist
1. Angels
2. Chained
3. Fiction
4. Try
5. Reunion
6. Sunset
7. Missing
8. Tides
9. Unfold
10. Swept Away
11. Our Song
 
 

Kid Francescoli – Lovers

Ebbene sì, Kid Francescoli prende il suo moniker proprio dal noto centrocampista uruguyano che negli anni ’90 ha giocato a Cagliari e a ...

Winter – Endless Space ...

Questa volta la nostra Samira Winter fa davvero centro. Il nuovo album della fanciulla di origini brasiliane, ma residente in America, ...

Courtney Marie Andrews – Old ...

Dopo l’ottimo “May Your Kindness Remain”, uscito nel marzo 2018, Courtney Marie Andrews ritorna con quello che è il suo settimo LP: ...

Fontaines D.C. – A ...

La vita è una montagna russa, la più veloce e la più lunga che esista. La felicità che proviamo tra la brezza amichevole che ci ...

No Age – Goons Be Gone

I No Age hanno fatto ritorno qualche settimana fa con questo loro quinto LP – il loro secondo per la Drag City – che è arrivato a ...