banner

SEAPONY
Falling

14 settembre 2012

TAGS:

Seapony

C’è chi lo chiama glo-fi, chi preferisce definirlo dream-pop, eppure la formula è sempre la stessa. Tra il delicato e il lo-fi, troppo intimo per rientrare nei canoni del rock e troppo elettrico per essere folk. Lo si può avvicinare ad uno shoegaze poppeggiante, giusto per far contento chi ha una predilizione per le etichette.Una tendenza in ascesa, iniziata con i Pain of Being Pure at Heart e continuata con The Naked and Famous, fino a diventare quasi abusata.

I Seapony di Danny Rowland, Jen Weidl e Ian Brewer hanno cavalcato questa nuova onda nel 2011, rilasciando il primo disco per la Hardly Art. “Go with me” è stato apprezzato per il suo essere solare ma malinconico, un bedroom-pop quasi estivo (da colonna sonora di un tramonto sulla spiaggia più che delle feste notturne con surfisti molesti).Un anno dopo i Seapony tornano con questo “Falling”, che già dal primo ascolto si presenta come più autunnale e corposo. Nonostante non manchino le atmosfere nostalgiche e delicate, le atmosfere lo-fi e il riverbero di chitarra (“Outside”, “Prove to Me”, ) si possono percepire dei richiami surf-pop già sentiti con il fenomeno Drums (“Fall Apart”) che tendono al tropicalia (“Be Alone”, “Never Be”), riprendendo in “Sunlight” quella impostazione rock and roll delle ballad a là Elvis dei primi anni ’50, in questo caso perfette per una serata in spiaggia. Il tutto sempre senza mai osare troppo (salvo i Belle & Sebastian di “Tell Me So” e “Follow”) e con una patina di malinconia e tristezza che davvero sembra avvicinarsi pericolosamente al folk da cameretta di Alessi’s Ark.

Un album gradevole, estremamente delicato, più indicato nei pomeriggi sotto il piumone che nei pic-nic estivi. Ottimo rimedio per gli inguaribili sognatori.

Falling
[ Hardly Art - 2012 ]
Similar Artist: Alessi’s Ark, The Pains Of Being Pure At Heart
Rating:
1. Outside
2. Tell Me So
3. What You Wanted
4. Follow
5. Be Alone
6. No One Will
7. Never Be
8. Sunlight
9. Prove to Me
10. Fall Apart
11. See Me Cry
12. Nothing Left

 

Articoli Correlati:

1 commento »

Ultime recensioni

Do To The Beast

THE AFGHAN WHIGS
Do To The Beast

Se qualcuno avesse detto, appena qualche anno fa, che in questo 2014 sarebbe uscito…

Close To The Glass

THE NOTWIST
Close To The Glass

La storia dei Notwist è fatta di apparizioni improvvise. E di silenzi. Una carriera…

Il Profumo Dei Fiori Secchi

DAVIDE MARTISCIANO
Il Profumo Dei Fiori Secchi

“Il profumo dei fiori secchi” di Davide Matrisciano è un album lungo, impegnativo, intenso.…

The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

EELS
The Cautionary Tales Of Mark Oliver Everett

Tre canzoni, tre domande “Where I ‘m At”, “Where I’m From”, “Where I’m Going”caratterizzano…

Love Letters

METRONOMY
Love Letters

Abbiamo lasciato i Metronomy sulla “English Riviera”, paladini del pop intelligente, così si dice,…

S/T

THEE ELEPHANT
S/T

Il tenace equilibrismo di Dola J Chaplin è in poche parole una incontrollabile urgenza…

In Roses

GEM CLUB
In Roses

“In Roses” è il secondo album della band americana del Massachusetts Gem Club.
Si…

Dirty Gold

ANGEL HAZE
Dirty Gold

Quando nel 2012 mi capitò di vedere il video di “Werkin’ Girls” successe che…