TWIN SHADOW
Confess

 
 
21 settembre 2012
 
Twin Shadow

George Lewis Jr. non ha nulla a che fare con Elvis, solo un ciuffo ereditato da un barbiere di Brooklyn: suo padre. Uno che a New York ha passato anni della sua vita a cercare vecchi vinili di musica disco italiana e europea perché folgorato. In bilico tra gli ultimi settanta e i primi ottanta, tra un Bowie berlinese e degli Smiths ispiratissimi, aveva già svuotato il sacco appena due anni fa con uno splendido album di esordio: “Forget”. New wave, synth pop, glo-fi, tanto per non sembrare il tipo snob e fuori tendenza.

Ma a George Lewis Jr. devono essere rimasti sassolini nella scarpa. Qualche idea in avanzo. Qualche intuizione di cui avrebbe dovuto sbarazzarsi per sentirsi pulito. Passano due anni e quelle idee si fanno grandi. “Five Second” è un’idea meravigliosa confezionata con chitarra e tastiere dall’alto tasso seventies. “Patient” è un pezzo disco che negli anni ottanta avrebbe fatto allegramente ballare. Sono ricordi presi in prestito quelli di Twin Shadow. Universi mai vissuti ricostruiti con maniera, ma pure con sentimento. “Run My Heart” è come aprire l’armadio di tuo padre rimasto chiuso per vent’anni e passa e provarsi una vecchia camicia, una vecchia giacca, un vecchio pantalone.

Qualche chitarra in più. Idee più mature. Sono i piccoli passi avanti di “Confess”, niente di epocale. “Golden Light” apre il disco così come la title track chiudeva il precedente “Forget”. “Be Mine Tonight” lo chiude eludendo alcune domande. Evitando qualche scomoda risposta. L’idea è che George Lewis di colpi da sparare ne abbia ancora, l’impressione è che alla lunga possano smettere di far male.

Confess
[ 4AD – 2012 ]
Similar Artist: Washed Out, Editors, Memory Tapes, Cut Copy
Rating:
1. Golden Light
2. You Call Me On

3. Five Seconds

4. Run My Heart

5. The One

6. Beg For The Night
7. Patient

8. When The Movie’s Over
9. I Don’t Care

10. Be Mine Tonight

11. Mirror In The Dark
Tracklist
 
 

Villagers – Darling ...

Una giornata qualsiasi e senza pretese può caricarsi di emozioni e sensazioni. E questa l’impressione…

Jesse Malin – New York Before ...

Ho incrociato Jesse Malin ai tempi di “The Fine Art Of Self Destruction” nel 2003,…

Lonelady – Hinterland

C’è una donna che cammina, da sola, per le vie di Manchester. Cercando quei luoghi…

Polar Bear – Same As You

Eleganti e raffinati come pochi nel panorama del jazz contemporaneo che si affranca da marchingegni…

Carl Barât And The Jackals – ...

Inutile girarci attorno: se Carl Barât non avesse mai incontrato Pete Doherty, sarei qui a…