TAME IMPALA
Lonerism

 
 
1 ottobre 2012
 
Tame Impala

Farsi un giro in un disco dei Tame Impala è come entrar dentro una lava lamp. O partire a bordo di un’astronave alimentata a base di psichedelia ben raffinata, progettata da qualche fashion designer di grido. Destinazione finale: Marte o giù di lì, con numerose e impreviste fermate intermedie. Un viaggio all inclusive nello spazio insomma, non quello profondo e inquietante di Kubrik ma la sua versione più colorata e vivida, tipo telefilm degli anni settanta mischiato alle mirabolanti imprese dei fratelli Wachowski.

“Lonerism” è uno di quegli album che crescono col tempo e conquistano ascolto dopo ascolto. Ha un titolo da trattato filosofico di quelli seri e difficili, che richiedono massima applicazione, ma è solo apparenza: il sound resta quello fluorescente e molto cool con cui questa chiacchieratissima band australiana si è imposta all’attenzione del mondo. Atmosfere sospese e sognanti, come se stessero suonando mentre camminano in assenza di gravità su qualche pianeta alieno ma tutto sommato amichevole (“Mind Mischief”, “Apocalypse Dreams”, “Nothing That Has Happened So Far Has Been Anything We Could Control”) si alternano a esplosioni strumentali, improvvisi attacchi di maestosità musicale e emotiva che li fanno sembrare quasi un gruppo psych prog (“Endors Toi”). Ci sono sempre, e come potrebbero mancare, pezzi come “Be Above It” e il singolo “Elephant”: diversi ma entrambi contagiosi e dritti al punto, figli del glam più glam, cugini dello Studio 54 e degli anni ottanta più giocosi, sembrano fatti apposta per martellarti implacabilmente il cervello e essere suonati alle feste (con tanto di remix a opera di Todd Rundgren). Ma “Lonerism” non si chiama così per caso. E allora, minuto dopo minuto, l’attenzione si sposta impercettibilmente verso canzoni come “Keep On Lying”, “Why Won’t They Talk To Me?”, “Feels Like We Only Go Backwards” e “Music To Walk Home By”: un piccolo bignami per cuori sensibili e lupi solitari, quelli che ballano con le lacrime agli occhi, che restano invariabilmente col due di picche alla fine di un party allucinato e luciferino e tornano sconsolati a casa domandandosi dove hanno sbagliato.

Tirano fuori il loro lato più vulnerabile e tutta la loro abilità di songwriters, i Tame Impala. Come se avessero scoperto di poter lasciare da parte, almeno ogni tanto, quell’invincibilità, quel velato distacco che pareva accompagnarli lungo tutto il pur ottimo “Innerspeaker” per diventare più umani. Tecnicamente sempre impeccabili, praticamente degli extraterrestri, ma anche esseri fatti di carne e sangue che sorprendono con un pianoforte all’inizio di “Sun’s Coming Up”. Ancora una volta capaci di avvolgere e coinvolgere con una musica mutante, un caleidoscopio di colori che assume sfumature e forme sempre nuove.

Cover Album

  • Website
  • BUY HERE
Lonerism
[ Modular – 2012 ]
Similar Artist: Toy, Pond Black Angels
Rating:
1. Be Above It
2. Endors Toi
3. Apocalypse Dreams
4. Mind Mischief
5. Music to Walk Home By
6. Why Won’t They Talk to Me?
7. Feels Like We Only Go Backwards
8. Keep on Lying
9. Elephant
10. She Just Won’t Believe Me
11. Nothing That Has Happened So Far Has Been Anything We Could Control
12. Sun’s Coming Up (Lambingtons)
Tracklist
 
  • f.ede

    Questo album è così trascinante e colorato che fa sognare. A pari merito con il precedente “Innerspeaker”, o forse anche lievemente al di sopra. Ma quante volte avranno ascoltato “Revolver” dei Beatles mentre creavano questi disco?? Splendido comunque, sul podio tra i migliori dell’anno senza alcun dubbio.

 

Neko At Stella – Shine

Neko at stella, tradotto sarebbe ‘Un gatto a stella’, un nome particolare per una band altrettanto particolare. Dopo il loro ...

Belle Adair – Tuscumbia

Torna la band dell’Alabama e lo fa con un disco che emana un calore musicale più forte e consistente rispetto al discreto “The ...

Calexico – The Thread That ...

Sono passati più di venti anni da quando la premiata coppia Burns&Convertino ha deciso di lasciare i Giant Sand di Howe Gelb, lasso di ...

Nicholas Krgovich – In An ...

Un album completo, mischia generi più classici – come blues e jazz – in una chiave alternativa, unendo tutto questo a sonorità ...

Shame – Songs Of Praise

Forse la stampa avrebbe preferito venderceli come i nuovi Libertines, magari la casa discografica stessa, ma poco importa, sicuramente pare ...