DJANGO DJANGO
Django Django

[ Because/Warner Bros./Ribbon - 2012 ]
7.5
 
Genere: alternative rock, pop-rock, elettronica
 
 

Certo che ho una cuginetta proprio ganza: come altro definire una piccola panzerottina di 2 anni che un bel giorno di quest’estate si presenta a casa mia mentre ascolto musica e si mette a ballare con “Soon” dei My Bloody Valentine e con l’ultimo album dei Peaking Lights in sottofondo? Al pararsi della scena rimango inevitabilmente estasiato, quindi le somministro un altro disco che in quei giorni di caldo tropicale mi teneva compagnia. Vediamo un po’ se ti piacciono questi, Angie… Si chiamano Django Django. Traccia numero tre: “Default”. Ed eccola che riprende a danzare leggiadramente. Le piacciono anche loro. Finisce il pezzo e mi guarda con faccia sgomenta. Tranquilla, ora parte “Firewater, e ricomincia a muoversi tutta concentrata.
Bel lavoro – penso allora – cari i miei Django Django: non solo ve ne uscite con questo esordio miscela esplosiva di psichedelia a due teste (Beach Boys e Animal Collective), electro-pop-rock di matrice talkinheads-iana, qualche spruzzata di geometria made in Eno, desertismi morriconiani e cantato corale un po’ alla Fleet Foxes un po’ a Wilson e co., ma iniziate anche la bella cuginetta alla musica che piace tanto al cuginone.

Angie ballerà anche su “Zumm Zumm” (ossessivo giro di basso e cumbia da rito voodoo tutti in cerchio inframezzato da momenti down-tempo per tirare il fiato), “WOR” (inseguimento agli indiani con solito ritornello defatigante rigorosamente cantato in coro, su “Life’s a Beach” (che sembra davvero disegnare scenari da balli di gruppo in spiaggia). Non ballerà, invece, su “Hand of Man”, ma solo perché è pezzo più rilassato e lei, invece, ha l’argento vivo addosso.
Da tutto questo calderone, a dare quell’esotismo in più al già vastissimo caleidoscopio di colori e paesaggi suggeriti, ecco spuntar fuori la strumentale “Skies Over Cairo” (il cui titolo dice proprio tutto).

Se Angie, che avrete capito essere (piccola, molto piccola) donna di gusto, avesse potuto descrivere quest’album avrebbe detto semplicemente: Una bomba. Vi fidate?

Credit Foto: Jenna Foxton

Tracklist
1. Introduction
2. Hail Bop
3. Default
4. Firewater
5. Waveforms
6. Zumm Zumm
7. Hand of Man
8. Love’s Dart
9. Wor
10. Storm
11. Life’s a Beach
12. Skies Over Cairo
13. Silver Rays
 
 

Jessie Ware – What’s ...

Jessie Ware è una cantautrice inglese che esordì nel 2012 con una piccola perla R&B infettata di sonorità anni ‘80, “Devotion”, ...

Future Islands – As Long As ...

È un album di rara eleganza quello che ci viene proposto dai Future Islands, che con questo “As Long As You Are” arrivano alla sesta ...

Born Ruffians – Squeeze

Sono passati solo sei mesi dal precedente “Juice”, eppure i canadesi Born Ruffians sono già pronti al ritorno in grande stile con un ...

The Struts – Strange Days

Mai come in questo particolarissimo periodo ho avuto modo di apprezzare album che trasmettessero buon umore e che, nella loro durata, mi ...

The Jaded Hearts Club – ...

C’era bisogno di mettere insieme tanti pezzi da novanta per un album di cover? A detta di tanti illustri colleghi recensori, ...