MENOMENA
Moms

 
 
12 Ottobre 2012
 
Menomena

Dopo quattro album incisi come trio (incluso il visionario “Mines” recensito dal sottoscritto) i Menomena, dopo aver perso Brent Knopf (che ha preferito dedicarsi esclusivamente al suo progetto laterale Ramona Falls), sono “costretti” a ripresentarsi come un duo, composto dai superstiti Danny Seim e Justin Harris. Il quinto lor figliuolo, “Moms”, reca nei testi un calco mai così profondo delle vite dei membri della band. I Menomena, in un modo tutto loro, affrontano temi familiari, relazionali e personali, tra bisogno di purificazione e rimpianti, tra schegge di passato e barbagli del futuro.

A parte le considerazioni sui contenuti, la sensazione, rispetto a “Mines”, è che il disco sia meno immediato e al contempo più lezioso e “leggero”. In realtà la giocosità della band di Portland nasconde sempre quell’attitudine sfuggente, quella voglia di sfuggire alle ovvietà dell’indie-rock moderno mantenendo quel cuore pop che mai smetterà di pulsare, che ce li ha fatti apprezzare così tanto nel recente passato. E così siamo punto e a capo, di nuovo al cospetto del gustoso rompicampo Menomena, qui più che mai vicini ad un’altra band allergica alle catalogazioni più rigide come i Tv On The Radio. Ritorna così quell’impressione di trovarsi di fronte a un pugno di canzoni sospese su una voragine fluorescente di galleggianti sensazioni inesplose, canzoni asimmetriche che scivolano felpate su pendii obliqui, dense di policromatismi mai veramente allegri.

Apre “Plumage”, una coloratissima esplosione di pingui ottoni e di avorio e corde caracollanti, e chiude la ballad fumosa ma anche tenera e struggente di “One Horse”. In mezzo possiamo trovare il “beat” grasso di “Capsule” che si agita sornione tra tropicalismi strumentali dal piglio sognante, lo psych-rock bizzoso di “Banton”, una “Tantalus” tra il dramma e il gioco, prigioniera di borbottanti spire ritmiche.

“Moms” è un album da gustare a poco a poco, perché si tratta di una raccolta di brani non immediati, che reclamano molta attenzione per essere capiti e assorbiti.
E’ un gioiello un po’ più opaco di “Mines”, ma possiamo affermare con certezza che si tratta di un’altra valida tappa nel percorso degli statunitensi.

Cover Album

Moms
[ Barsuk – 2012 ]
Similar Artist: Tv On The Radio, Flaming Lips
Rating:
1. Plumage
2. Capsule
3. Pique
4. Baton
5. Heavy Is As Heavy Does
6. Giftshoppe
7. Skintercourse
8. Tantalus
9. Don’t Mess With Latexas
10. One Horse
Tracklist
 
 

Snowgoose – The Making of You

A sette anni di distanza dal primo eccellente album “Harmony Springs” ecco nuova produzione a firma Snowgoose, progetto guidato ...

Paul Weller – On Sunset

Paul Weller ha vissuto una sorta di seconda o terza giovinezza negli ultimi dieci / quindici anni, impegnato come non mai a far dischi con ...

Waldeck – Grand Casino Hotel

Il mondo della musica è pieno di personaggi singolari, ad esempio Klaus Waldeck. Promettente da bambino, carriera bruscamente interrotta ...

Nana Grizol – South Somewhere ...

Dopo tre album pubblicati per la Orange Twin, i Nana Grizol di Theo Hilton ritornano con un nuovo lavoro sulla distanza, questa volta ...

Hum – Inlet

Dalle radici di puro shoegaze sono rispuntati dopo ben ventidue anni gli statunitensi Hum. La band di Champaign, Illinois, si presenta a ...