TY SEGALL
Twins

[ Drag City - 2012 ]
7.5
 
Genere: alternative rock, garage, fuzz
Tags:
 
19 Ottobre 2012
 

Orange County non vomita solo adolescenti di buona famiglia con problemi di cuore e cui piace fare gli alternativi con un bicchiere di whisky rye di troppo, talvolta ci grazia anche di personaggi come quella sorta di Lenny Kravitz lo-fi bianco o, decisamente meglio, quel Iannis Xenakis da garage che è Ty Segall.

Per i pochi che non lo hanno proprio mai sentito nominare, e credo siano solo un manipolo di eremiti musicali, o peggio pseudo musicomani da X-Factor del giovedì sera, Ty Segall è una delle anime più fertili della scena indie della West Coast, vero e proprio artista indemoniato che negli ultimi otto anni si è moltiplicato reinventandosi in un numero imprecisato di band, di progetti, di collaborazioni ed improvvisate estemporanee. Per citarne alcune, direttamente dalla bibbia del The Deli Magazine San Francisco issue, si possono citare garage band come i The Traditional Fools, gli Epsilons, i Party Fowl, i Sic Alps, i The Perverts, o musicisti del tipo eclettico e a lui speculare come Mikal Cronin.

In tutto questo suo non riuscir a star fermo, come in una sorta di assuefazione espressiva o di estrema necessità di confronto con un’audience o di delirio tremens compositivo a seconda dei punti di vista, Ty Segall si distingue per il suo tratto melodico narrativo in un contesto di puro noise rock. Spieghiamo innanzitutto che ci riferiamo al noise come diretta evoluzione del concetto espressivo fatto bandiera di avanguardie come i Cabaret Volta, concetto della musique concrète applicata ad una realtà pop-punk californiana dei giorni nostri. Mettiamo dunque sul piatto un disco, questo “Twins”, in cui non troviamo un comune denominatore, se non nella spontaneità dell’approssimazione qualitativa, che non è un “sporcare” ad arte, ma un preciso stilema della performance. Troviamo quindi chitarre che si sovrappongo e si inseguono, si mescolano e si confondono quasi gracchiando, creando nodi musicali da cui si può uscire solo stridendo, con il cuore in gola e un rullante martellante come in “You Are The Doctor”. Le ballate, come in “Inside Your Heart”, invece perdono la loro forza narrativa acquisendo un tono di mantra e un’attitudine shoegaze. La voce gridata, “The Hill”, diventa un assolo faringeo che si sovrappone agli assoli delle chitarre, e poco importa se un coro cerca di mantenere il brano su binari canonici, perché il tutto sfuma di colpo: siamo già ad un’altra traccia e abbiamo già svoltato perdendoci giù per le strade verso Cupertino con il lo-fi di “Ghost” e i suoi riverberi lontani.

“There Is No Tomorrow” chiude queste dodici tracce, ma dimenticavo: “Twins” è il terzo album di Ty Segall di quest’anno. Brani brevi, pochi fronzoli. È musica, suono, che scorre senza freni. Forse è quello di cui abbiamo davvero bisogno.

Foto Credit: Denee Segall

Tracklist
1. Thank God For Sinners
2. You're The Doctor
3. Inside Your Heart
4. The Hill
5. Would You Be My Love
6. Ghost
7. They Told Me Too
8. Love Fuzz
9. Handglams
10. Who Are You
11. Gold On The Shore
12. There Is No Tomorrow
 
 

Vundabar – Either Light

Vundabar. Wonderful per l’altra evoluzione della lingua anglosassone. Brandon Hagen e Drew McDonald  si conoscono dai tempi del ...

Danzig – Danzig Sings Elvis

Il pluriannunciato e lungamente atteso omaggio di Glenn Danzig a Elvis Presley è finalmente qui. Non se ne sta parlando un granché bene ma ...

Rose City Band – Summerlong

L’anno scorso un po’ in sordina è uscito il primo omonimo album del progetto Rose City Band, nome dietro cui si nascondeva e si ...

Happyness – Floatr

Preceduto dai singoli “Vegetable”, “Seeing Eye Do”, “Ouch (yup)” e “title track” con ...

Darman – Necessità interiore

Arriva il nuovo disco di Darman intitolato “Necessità interiore”, un mix di cantautorato rock ed innovazione che passa pure da qualcosa ...