FRANKIE MAGELLANO
Adulterio E Porcherie

 
 
29 Ottobre 2012
 
Frankie Magellano

Narodnie napevy, anche conosciuti come canti popolari russi, sono dei canti tipici delle campagne della Brjansk, Tuva e diverse regioni della madre patria. La mutua e continua influenza dei canti popolari e della musica classica del secondo ottocento (vedi il balletto di Mosca), santisce un legame ancora più stretto tra melodie ricercate e suoni più grezzi e goliardici. Con il suo “Adulterio e Porcherie”, Frankie Magellano attinge in equal modo a sacro e profano, riprendendo diverse tradizioni popolari: sonorità ispaniche del mambo e del tango, le musiche della tradizione emiliana, richiami alle ode popolari francesi e per finire le nevose strade pietroburghesi con i loro violinisti di strada.

Un disco che, a detta di comunicato stampa, parla di uno spleen che dal tragico tocca punte di grottesco, che esplora diverse realtà, sempre private di quel qualcosa che le potrebbe far stare meglio. Un teatro itinerante fatto di luci e di ombre(non a caso il tour di Frankie si chiama “piccolo teatro musicale mobile schifoso”): musica da pianobar (o bettola?), con pianoforte e violini a controbilanciare storie malinconiche (“Djevuska incintissima”), mambo da strada, con fiati e quel tocco di ritmo dato da una chitarra flamenco (“La gradivanza sicura”, “Il taccuino del sagrestano”). Non manca sicuramente il grottesco, che incontrandosi con il lirico si carica di una tensione inusuale e affascinante (“la retrocessione del giulianova”), spesso giocato su un parlato non-sense (“Cane palustre”). Certo, in questo pastiche di teatro-musiche-parole non mancano le gaffe, come le semi-ballate annacquate, nelle quali la scelta melodica eccessivamente patinata va a intaccare testi che comunque avrebbero meritato maggiore attenzione.

Sarebbe sbagliato paragonare Frankie ad autori come Capossela, o De Andrè, tantopiù ai precedenti lavori con i MMC. Frankie, o Teo per i conterranei correggesi, è irrisorio di natura, un istrionico animale da palcoscenico che ha deciso di metterci davanti le sue folli visioni di direttore di una orchestra che esiste nella sua testa.

Cover Album

  • Website
  • BUY HERE
Adulterio E Porcherie
[ Muki Edizioni – 2012 ]
Similar Artist: Viza, Carmelo Bene
Rating:
1. Djievuska Incinta
2. La Gravidanza Sicura
3. La Favola Del Pasticciere
4. Il Tramonto Della Rana Pescatrice
5. La Zanzara
6. La Delicatezza Dell’Inganno
7. Il Taccuino Del Sagrestano
8. Arnaldo Pininfarina
9. La Retrocessione Del Giulianova
10. Cane Palustre
11. Amore Mio Fallimentare
Tracklist
 
 

bdrmm – Bedroom

Facile salire adesso sul carro dei vincitori. Facile osannare questi ragazzi stanziati in zona Hull/Leeds e definirli “nuovi eroi ...

Gum Country – Somewhere

Tanto nostalgico quanto piacevole. Courtney Garvin (che conosciamo per essere nei The Courtneys) e Connor Mayer ci conducono nel loro mondo ...

Arca – KiCk i

“KiCk i” è un calcio a sorpresa alla bocca dello stomaco che ti costringe a spalancare gli occhi e a guardare. Arca esiste, guardala. ...

Le voci di Gero – Il colore ...

Un disco impegnativo quello di Le voci di Gero, nome in codice di Andrea Aloisi, cantautore milanese con le idee chiare e i piedi ben ...

Altrove – Bolle

Ho seguito da vicino la lavorazione di quella miscela odorosa e raffinata che è “Bolle” sin dall’apertura dei cantieri, ...