MARTHA TILSTON
Machines Of Love And Grace

 
Tags: ,
 
30 Novembre 2012
 

Finger-picking, arpeggi di chitarra e voce solista sono i tre ingredienti base di “Machine of love and grace”, l’ultimo album di Martha Tilston, uscito a ottobre per l’etichetta di sua proprietà Squiggly.

La cantautrice inglese, “figlia d’arte” per quel che riguarda la musica folk (sua madre è Maggie Boyle, famosa cantante folk irlandese) torna in scena con un album, il quarto da solista, che rispecchia il suo stile “acqua e sapone“, lento, riflessivo, a tratti malinconico. Le sonorità irlandesi hanno lasciato il posto a un folk acustico, centrato completamente sulla voce, chiara e riflessiva.

A cinque anni di distanza dall’album “Of Milkmaids & Architects”, acclamato dalla critica e che le era valso una nomination come Best New Act ai BBC Folk Awards, e a due anni dal suo album precedente, “Lucy and the Wolves”, uscito nel 2010 e da molti considerato il suo lavoro migliore, la Tilston continua a usare la sua voce da soprano per portare l’attenzione su questioni riguardanti l’ambiente e le cause umanitarie.

Voce, chitarra e cori si’ntrecciano in un susseguirsi di 11 tracce, che scorrono in modo forse un po’ troppo uniforme e senza brani che prevalgono o emergono sugli altri., senza stacchi e senza sonorità brusche. Il disco si apre con “Stags bellow”, primo singolo estratto, ascoltandolo non si può fare a meno di visualizzare le mani della cantante che giocano con le carde della chitarra. L’impegno sociale della cantante emerge da brani come “Wall Street”, che fa riferimento al movimento Occupy, o “More”, che, con cori e ritmo in crescendo, racconta delle fascinazioni del capitalismo. Troviamo atmosfere sospese, come quelle di “Silent women”, o sonorità quasi primaverili, naturali, come quelle di “Suburbia”.

L’artwork del disco, come per tutti i suoi lavori precedenti, è stato disegnato dalla stessa Martha, e giocando sui toni dell’ocra e del blu raffigura una mongolfiera che, vista da dietro foglie ed elementi naturali si alza in volo, lasciando a terra giraffe, velieri carovane e altre figure di fantasia stilizzate. Un invito, forse, a chiudere gli occhi e lasciarsi trasportare nel mondo fantastico, etereo e leggero della Tilston.

Machines Of Love And Grace
[ Squiggly – 2012 ]
Similar Artist: Jackie Oates, Bella Hardy, Megson
Rating:
1. Stags bellow
2. Silent women
3. Survival guide
4. Blue eyes
5. Wall Street
6. More
7. Staircase
8. Suburbia
9 . Shiny gold car
10. Butterflies
11. Let them glow
Tracklist
 
 

Onceweresixty – The Flood

Ci sono band che hanno un numero fortunato a cui difficilmente rinunciano, per scaramanzia o per affettuosi ricordi. La vita musicale dei ...

The Stranglers – Dark Matters

Forte questa giovane band di strangolatori che sembrano rimescolare le carte, ridimensionando queste numerose e nuove band post punk ...

Nichelodeon – Incidenti / Lo ...

C’è l’estro dello sperimentatore, compositore e musicoterapista Claudio Milano dietro i NichelOdeon (o meglio NichelOdeon/InSonar & ...

Art School Girlfriend – Is It ...

Di Polly Mackey e del suo progetto solista Art School Girlfriend si parla molto bene da qualche anno ormai. L’album d’esordio della ...

Justus Proffit – Speedstar

Justus Proffit gestisce un locale a Los Angeles di nome Topspace e immagino che, in questo difficile periodo, abbia avuto più di un ...