FARGAS
In Balia Di Un Dio Principiante

 
 
7 Dicembre 2012
 

Parlando dell’altra recente uscita Snowdonia, vi avevamo anticipato anche il nome Fargas, progetto giunto al secondo album dopo cinque anni di silenzio e accasatosi presso la label messinese con l’intenzione di produrre quattro dischi in un anno, a raccogliere e raccontare quanto elaborato durante la lunga pausa: i Fargas sono quattro, guidati dal cantante e autore Luca Spiaggiari, e nei loro intenti vi è la volontà di fondere canzone d’autore e il pop italiano più nobile e noto, intenzione certamente non nuova ma sempre difficile.
Eppure la band modenese riesce nell’impresa di suonar convincente e inedita, senza mascherare le proprie ispirazioni, ma giustamente utilizzandole come rampa di lancio: è palese l’importanza di nomi storici come Lucio Battisti e Rino Gaetano (vocalmente troppo spesso evocato, unica pecca dell’opera) e dei contemporanei Brondi, Bianconi e Fiori, ma il risultato è equidistante e frequentemente assai personale.

L’apertura è affidata alla breve e sghemba “Venatura di Perle” che, sopra un tappeto musicale caustico e incalzante, mette in mostra una vena poetica surreale che, nella successiva “Così l’Uomo Inventò la Strada” ricorda il De Gregori più lisergico.
Altrove è un’energia rock a pervadere le musiche, come in “Rogo a Parigi”, ma le intuizioni migliori convergono nei momenti più riflessivi (ma non per questo lenti o noiosi): la malinconia suadente di “Polo Nord” (l’enfasi emotiva de Le Luci Della Centrale Elettrica applicate a una narrativa meno evanescente e generazionale, ma decisamente più solida), l’acida “La Gente si Affolla”, l’elegiaca “Lei nell’Aria”, l’amara e memorabile “Mi Vennero a Cercare le Mosche”. Purtroppo la titletrack manca un poco d’incisività, ma le sorti del disco vengono subito risollevate dalla morbida ironia di “Dolce Amica”, dalla tenera ballata per voce e pianoforte di “Francesco”, finanche dalla conclusiva e intensa “Con Te Passerà l’Estate”.

I sei minuti dell’avvolgente psichedelia di “Nuovi Paesi” completano lo spettro sonico di un album che probabilmente non raccoglierà mai i giusti tributi che gli spettano, ma che arriva con veloce semplicità a toccare cuore e mente dei fortunati ascoltatori.

Cover Album

  • Website
  • BUY HERE
In Balia Di Un Dio Principiante
[ Snowdonia – 2012]
Similar Artist: The Beatles, Lucio Battisti, Rino Gaetano, Francesco De Gregori, Alessandro Fiori, Niccolò Fabi, Le Luci Della Centrale Elettrica, Baustelle, Lev
Rating:
1. Venature di Perle
2. Così l’Uomo Inventò la Strada
3. 27 Gennaio
4. Rogo a Parigi
5. Polo Nord
6. La Gente si Affolla
7. Lei nell’Aria
8. Mela di Cartone
9. Mi Vennero a Cercare le Mosche
10. Dio Principiante
11. Dolce Amica
12. Francesco
13. Nuovi Paesi
14. Con Te Passerà l’Estate
Tracklist
 
 

Tindersticks – No Treasure ...

Una cartina geografica stilizzata adorna la copertina del dodicesimo album dei Tindersticks, il disco più ottimista e accessibile di una ...

Leonard Cohen – Thanks for ...

Quando un artista, che hai tanto amato e seguito, viene a mancare si crea un senso di partecipazione emotiva che spesso si traduce in una ...

Pumarosa – Devastation

“Please don’t be perfect anymore” incita la frontwoman Isabel Munoz-Newsome in apertura del secondo album della band ...

Greet Death – New Hell

Quest’anno Babbo Natale ha dovuto risvegliare in anticipo di oltre un mese le sue amate renne per portarci in dono il nuovo lavoro degli ...

Due – Due

Avevamo già apprezzato il disco d’esordio di Luca Lezziero, così scarno, acustico ed evocativo, alla ricerca di un linguaggio ...