FIONN REGAN
The Bunkhouse Vol.1: Anchor Black Tattoo

 
Tags: ,
 
7 Gennaio 2013
 
Fionn Regan

L’artigiano irlandese del folk è tornato. Fionn Regan, a distanza di pochi mesi da quel piccolo capolavoro di scrittura e composizione qual è stato “100 Acres Of Sycamore”, torna con un album auto-registrato dal titolo “The Bunkhouse Vol.1: Anchor Black Tattoo”.
Immaginatevi un registratore a quattro piste posizionato proprio difronte al suo letto da una piazza e mezza, la sua inseparabile chitarra acustica, carta, penna, una tazza di te fumante appoggiata sul comodino e lui, il folletto irlandese, seduto sul comodo materasso a comporre con delicatezza e dedizione queste 10 tracce.
Procurarsi “The Bunkhouse Vol.1: Anchor Black Tattoo” è stata una fatica non da poco. Prevista l’uscita inizialmente solo tra i confini irlandesi, i pochi devoti fan di Regan aspettavano con ansia questo nuovo lavoro che puntualmente è arrivato grazie, che siate contrari o meno, alla rete.

“The Bunkhouse Vol.1: Anchor Black Tattoo” si muove sul territorio solcato dal sopracitato “100 Acres Of Sycamore”. Atmosfere minimaliste, rumori legnosi, composizioni scarne, ridotte all’osso e tanta voglia di raccontare e creare mondi che nascono e muoiono in soli 3 minuti. Mondi che si poggiano sulle più classiche delle ballate, strimpellate o arpeggiate, e che vengono raccontati dalla magnifica scrittura, da cantautore d’altri tempi, del folletto irlandese. Storie di viaggi (“Moving to Berlin”, “The Gouldings” e “Clara to Calary”) e di chiacchierate con il mare d’Irlanda (“Mizen To Malin”). Storie tenebrose che rispecchiano i cieli e le atmosfere brumose d’Irlanda.

Fionn Regan rappresenta ciò che di più autentico, al giorno d’oggi, la musica è in grado di offrirci. Arte che si muove e poggia sul presupposto dell’onestà. Arte cristallina. “The Bunkhouse Vol.1” è tutto questo. Quanto basta per meritarsi l’appellativo di Capolavoro.

Cover Album

The Bunkhouse Vol.1: Anchor Black Tattoo
[ Universal Music Ireland – 2013 ]
Similar Artist: Dylan, Nick Drake, Donovan
Rating:
1. St. Anthony’s Fire
2. 67 Blackout
3. Clara to Calary
4. Anchor Black Tattoo
5. Mizen To Malin
6. The Gouildings
7. Salt & Cloves
8. The Bunkhouse
9. Midnight Ferry Crossing
10. Moving to Berlin
Tracklist
 
 

Motorpsycho – The All Is One

È sempre un piacere ascoltare qualcosa di nuovo dei Motorpsycho, uno dei pochi gruppi ancora in grado di sfruttare appieno il potenziale ...

Tricky – Fall To Pieces

“Fall To Pieces” è il frutto dell’attraversamento della tenebra più profonda per il Tricky uomo: l’album restituisce ciò ...

Sea Girls – Open Up Your Head

Il mondo musicale inglese, ormai, ogni giorno propone nuovi progetti tutti da scoprire: infatti, non è un caso che vi sia un genere ...

Paul Armfield – Domestic

Dopo mesi passati forzatamente rinchiuso e prigioniero tra quattro mura c’è chi di casa non vuol più sentir parlare. Paul Armfield, ...

Bill Callahan – Gold Record

Il fu Smog Bill Callahan ritorna a noi dopo solo un anno dal precedente “Shepherd In A Sheepskin Vest” (LEGGI QUI LA RECENSIONE) ...