NICK CAVE & THE BAD SEEDS
Push The Sky Away

 
 
18 Febbraio 2013
 
Nick Cave & The Bad Seeds

Queste sono le recensioni più facili, quasi mai le meglio riuscite. Si imbottiscono le righe di biografia di un uomo che ha vissuto varie vite, discografia di un signore che ha pubblicato una trentina di dischi, nel caso di Nick Cave poi pure compositore di un pugno di colonne sonore, scrittore di un paio di romanzi per non parlare delle sceneggiature alle quali ha messo mano, alcune delle quali anche interpretare da attore. Fatto questo si ragguaglia il lettore (ovviamente ben disposto nei confronti dell’artista, non esiste essere umano che disprezzi Cave) su chi è venuto meno e chi è entrato nel gruppo, si scrivono due cose sui pezzi piaciuti di più e via. Fatto.

Non si può disprezzare Nick Cave e i suoi Bad Seeds, non si deve, perché se ha senso ascoltare e parlare di musica rock, loro sono tra i maggiori depositari di tale sensatezza. Allo stesso tempo va ricordato che da oltre tre lustri (più di quindici anni dunque) la band in questione, il suo frontman in particolare, è passata da status di icona a quella di marchio, non per niente ritratta e chiamata in causa su media che non hanno la musica come campo di interesse principale. Parallelamente a partire dalla folgorazione cristica di “No More Shall We Part” abbiamo ascoltato lavori sempre meno interessanti, di grande fascino alcuni, un po’ stinti altri, sempre ottimamente suonati è ovvio ma che non avrebbero in nessun modo potuto ingrossare le fila degli estimatori, al massimo deludere qualche duro e puro dei tempi belli (che è già una grossa soddisfazione immagino). La quantità di prodotti aumentava e la qualità si abbassava, non si sfugge da questo assioma e neppure artisti di livello come quelli di cui stiamo parlando ne sono immuni. Più che di qualità parlerei di pregnanza, di portata storica anche, sempre per il fatto che quando si parla di Bad Seeds la qualità musicale non è in discussione, basta andarli a sentire dal vivo (fatelo) per tornare a casa e incendiare tre quarti della propria collezione di dischi.

Insomma il nuovo millennio non è stato esaltante per il Re Inchiostro, a parte il progetto Grinderman per il quale ancora deve sbollire la mia adrenalina. Non fa eccezione “Push The Sky Away”, primo lavoro senza Mick Harvey e che vede sempre più due uomini al comando: Cave e Warren Ellis, inseparabili e artisticamente indistinguibili. Di questo lavoro si apprezzano, oltre alla splendida ed elegantissima copertina che iTunes ha pensato bene di deturpare, la straordinaria eleganza e l’inquietudine che scorre sotto la pacatezza dei modi, il senso di accerchiamento di alcuni brani come l’iniziale “We No Who U R” o “Water’s Edge”, gli accenni di elettronica che uniti al lavoro di basso regalano lo splendido timore di venire aggrediti senza che questo accada mai. La temibile purezza del post-punk di “We Real Cool”, il blues come solo loro lo sanno suonare di “Higgs Boson Blues” e la chiusura cinematica (sarebbe stata bene in “Twin Peaks”) della traccia che dà nome all’album. Cave smette i panni di rocker sguaiato che avevano sostituiti quelli di improbabile crooner, per indossare la giacca da cantante confidenziale, talmente confidenziale da sussurrarti cose terribili rimanendo perfettamente impassibile. Un grande, prescindibile, disco. Come avevo detto è stato facile.

Push The Sky Away
[ Mute – 2013 ]
Similar Artist: Dirty Three, Leonard Cohen, Lou Reed
Rating:
1. We No Who U R
2. Wide Lovely Eyes
3. Water’s Edge
4. Jubilee Street
5. Mermaids
6. We Real Cool
7. Finishing Jubilee Street
8. Higgs Boson Blues
9. Push The Sky Away

Tracklist
 
 

Silverbacks – FAD

Bene, bene, la scena musicale di Dublino sta tirando dritto come un treno e questo nuovo debutto ci lascia ben sperare per le produzioni ...

Alain Johannes – Hum

Il nome di Alain Johannes non è certo sconosciuto agli appassionati della matrice più alternativa e avventurosa del rock. Produttore, ...

Hockey Dad – Brain Candy

Ritornano gli Hockey Dad a due anni e mezzo di distanza dal loro sophomore, “Blend Inn”: la divertente band surf-pop del New South ...

Dizzy – The Sun and Her ...

Un paio di anni fa avevo parlato, sempre sulle pagine di IFB, dell’esordio dei canadesi Dizzy. Il titolo dell’album mi era ...

The Psychedelic Furs – Made ...

Il nome degli Psychedelic Furs è indubbiamente legato agli anni ottanta, ma lungi dall’essere associati al filone più commerciale ...