LIBRI: TOM WAITS. IL FANTASMA DEL SABATO SERA
di Paul Maher Jr.

 
Tags: ,
19 Febbraio 2013
 

Mettiamo subito le mani avanti: non sono un fan sfegatato del signor Tom Alan Waits. Non conosco a menadito la sua discografia, non ho visto più volte tutti i film in cui ha recitato, non lo considero il miglior cantautore esistente.
Assodato ciò, “Il Fantasma Del Sabato Sera” non è una bibliografia su Tom Waits, ma piuttosto una raccolta di interviste curata dal critico Paul Maher Jr. (noto a qualcuno per il suo lavoro su Jack Kerouac) che ripercorre la discografia completa dell’artista statunitense.

Limite e pregio di quest’opera, come viene spiegato nella prefazione dallo stesso autore, è che molte interviste ‘famose’ rilasciate a riviste più o meno importanti non sono presenti, perché acquisirne i diritti sarebbe stato troppo dispendioso.
Così si riesce a spulciare tra interviste ‘minori’, in cui Tom Waits spesso si lascia andare a considerazioni naif e decisamente strambe, che dimostrano ancora una volta la genuinità del personaggio, molto disponibile ma abile nel portare la conversazione nei territori di suo interesse.

Ovviamente per chi non sia un fan o non conosca particolarmente bene la discografia dell’autore è consigliabile ‘diluire’ nel tempo la lettura, associando l’approfondimento di un capitolo del libro con l’ascolto del relativo disco. Ciò permette di comprendere la genesi del lavoro musicale e di godersi appieno la crescita e le trasformazioni che hanno caratterizzato ‘il Tom Waits pensiero’, con la fuga dal rock, il passaggio al folk cantautorale, non disprezzando parentesi blues e strizzatine d’occhio al jazz.

Insomma una lettura piacevole e mai didascalica che aiuta a comprendere ed avvicinarsi ad una delle menti musicali più discusse e apprezzate degli ultimi quarant’anni.

Tom Waits. Il Fantasma del Sabato Sera
Voto: 7,5
Curatore: Paul Maher Jr.
Pagine: 409
ISBN 978-88-7521-444-9
Data di pubblicazione: novembre 2012
Editore: Minimum Fax

 

Oggi “Sussidiario Illustrato ...

Non erano certo più dei giovanissimi i Baustelle ai giorni del loro esordio. E non erano nemmeno il terzetto di adesso, in quanto Fabrizio ...

Oggi “The Game” dei Queen ...

Nell’estate del 1980 i Queen, già acclamati campioni del glam più barocco e pomposo, decisero di non stare più al gioco. Per non farsi ...

Wishlist: i dieci dischi più ...

Ogni mese escono valanghe di dischi. Pure troppi a volte. Starci dietro non è facile, nemmeno per noi. Così sulla nostra personale agenda ...

Oggi “Underwater ...

Tra i mille rivoli in cui la galassia post-punk iniziò a disperdersi a cavallo di anni ‘70 e ‘80 ce ne fu uno particolarmente ...

Oggi “Mirror Ball” di Neil ...

Pochi artisti sanno mettersi in discussione come Neil Young che a metà anni novanta era reduce dagli esperimenti sonori di “Sleeps With ...