TOSCA
Odeon

 
Tags: ,
 
22 febbraio 2013
 
Tosca

Musica d’altri tempi quella proposta dai viennesi Tosca: nato come progetto parallelo di Richard Dorfmeister in compagnia di Rupert Huber, è divenuto ben presto la principale attività del producer austriaco dopo la fine anticipata del mai troppo celebrato sodalizio lavorativo con Peter Kruder.
Musica d’altri tempi, si diceva: di quando i dischi non duravano soltanto giorni, ma accompagnavano periodi interi della nostro esistenza e l’aggettivo “seminale” aveva ancora un senso. La premiata ditta Kruder & Dorfmeister forgiò un suono riconoscibilissimo nonostante non ci abbia lasciato quasi nulla di autografo (ma i loro remix sono un vero tesoro dell’umanità), i successivi progetti (Peter Kruder in solitaria s’inventò la Peace Orchestra, il cui omonimo album è uno dei vertici di tutta la scena) approfondirono il suono da diverse angolazioni: una maggior attenzione al ritmo e alla dimensione del club ha sempre caratterizzato le produzioni dei Tosca.

Ora gli anni son passati e con loro sono arrivati numerosi album: il nuovo “Odeon” è addirittura il sesto ed è ovvio che non si può avere sempre la stessa freschezza, ma non solo di novità si vive e la premiata coppia Dorfmeister e Huber ha abbastanza talento e mestiere da riuscire a convincere appieno.
Ed infatti così avviene: rallentando un poco i bpm e proponendo le solite atmosfere narcotiche e lussureggianti il duo Tosca sforna un lavoro di tutto rispetto a partire dal singolo “Jayjay” (affidato alla voce di J. J. Jones). Ma ogni brano è un piccolo gioiellino e spiccano sugli altri l’ottima “Heatwave” (con il sodale dei tempi andati, Rodney Hunter) e soprattutto l’incontro tra Mitteleuropa e Mediterraneo in “Stuttgart” (cantata in portoghese da Luca Santtana).

Non cambierà la storia della musica e probabilmente in pochi gli dedicheranno l’attenzione che invece merita, ma la nuova prova dei Tosca è un lavoro solido e pregiato, in cui convivono serenamente classe e ispirazione.

Odeon
[ !K7 – 2013 ]
Similar Artist: Peace Orchestra, Swayzak, Gotan Project, Andy Stott, Underworld
Rating:
1. Zur Guten Ambience
2. What If
3. Heatwave
4. Jayjay
5. Soda
6. Meixner
7. Stuttgart
8. In My Brain Prinz Eugen
9. Cavallo
10. Bonjour
Tracklist
 
 

Hurray For The Riff Raff – ...

Alynda Segarra, ormai da anni forza trainante degli Hurray For The Riff Raff, sa come…

The Jesus And Mary Chain – Damage ...

Rispuntano i fratelli parassiti di Glasgow ed è un “piccolo miracolo” secondo il minore dei…

Pete Doherty – Hamburg ...

Il solito bellissimo album di Pete Doherty. Non ci sarebbe nient’altro da aggiungere. “Hamburg Demonstrations”…

Flume – Skin Companion EP II

A distanza di poco tempo dall’uscita di “Skin”, album che seguiva il cospicuo successo dei…

The Necks – Unfold

Diciannovesimo disco per i The Necks, leggendaria assemble australiana che, attraverso una produzione ampia e…