ED HARCOURT
Back Into The Woods

 
Tags: ,
 
25 febbraio 2013
 
Ed Harcourt

Se sei un cantautore che gioca con diverse sfumature del pop e ti riescono tutte piuttosto bene, dovresti evitare di focalizzarti solo su una di esse. Esempio lampante quello di Rufus Wainwright che in “All Days Are Night: Songs For Lulu” infilò un lotto di ballate per soli voce e pianoforte,risultando alla lunga un po’ stucchevole e ripetitivo. Ci prova anche Ed Harcourt, con questo “Back Into The Woods” che è il suo disco più scarno, costruito su canzoni fatte di voce e pianoforte oppure chitarra e voce. In questo caso il tono da melodramma è più tenue, preferendo la via di un intimismo comunque non troppo marcato.

Quello che ha sempre distinto lo stile di Ed Harcourt era l’approccio poliedrico alla forma canzone seppur ristretta in canoni classici. Che fossero dolci cavalcate melodiche dal sapore primaverile oppure intime ballata notturne, il Nostro sembrava sempre a proprio agio e assolutamente padrone dei propri mezzi. Sinceramente non si sentiva la necessità di un passo indietro da questo punto di vista, ma spesso le divergenze di vedute tra gli artisti e gli ascoltatori sono inevitabili. “Back Into The Woods” è innanzitutto un disco di classe, lirico, solenne quanto basta in alcuni passaggi e più intimo in altri, che mette in gioco la forza di una voce mai così convincente e preponderante su tutto il resto, fatto di piccoli dettagli come le note di un pianoforte o le corde di una chitarra elettrica non troppo amplificata. Un gioco che funziona fino ad un certo punto della scaletta, quando subentra una certa ripetitività, tra l’altro inevitabile in questo tipo di progetto.

Sicuramente il disco che voleva pubblicare il suo autore, che avrebbe giovato di almeno un paio di passaggi più vivaci a spezzare i toni molto tranquilli. Seppur formalmente ineccepibile e dotato di una grazia fuori dal comune in alcuni episodi, ci auguriamo che questa possa essere una semplice parentesi della carriera di Ed Harcourt, un semplice bisogno di intimità che si tradurrà in un futuro leggermente diverso, naturale prosecuzione di quello che ci aveva lasciato in dote nei precedenti lavori.

Cover Album

  • Website
  • BUY HERE
Back Into The Woods
[ CCLX – 2013 ]
Similar Artist: Badly Drawn Boy, Neil Hannon, Rufus Wainwright

Rating:

1. The Cusp & The Wane
2. Hey Little Bruiser
3. Wandering Eye
4. Murmur In My Heart
5. Back Into The Woods
6. Brothers And Sisters
7. The Pretty Girls
8. Last Will and Testament
9. The Man That Time For
Tracklist
 
 

Gruff Rhys – Pang!

Gruff Rhys ama cambiare, stupire. Difficile trovare un filo conduttore nell’ormai lunga carriera solista del frontman dei Super Furry ...

Lana Del Rey – Norman Fucking ...

Ogni volta che Lana Del Rey pubblica un album il dibattito tra estimatori e detrattori della musica di Elizabeth Grant diventa sempre più ...

Kazu Makino – Adult Baby

Siamo abituati a sentire la voce eterea di Kazu Makino nei Blonde Redhead a fianco dei gemelli Simone e Amedeo Pace, ma ora Kazu ha deciso ...

Frankie Cosmos – Close It ...

Sempre molto prolifica la giovane Greta Kline, titolare del progetto Frankie Cosmos: dopo un anno e mezzo dal precedente “Vessel”, ...

The Futureheads – Powers

Aspetti positivi: i ritorni sono sempre graditi. Specie se le cose che più si ricordano negli ultimi anni circa la band di Sunderland sono ...